Grandi donazioni

Una grande donazione, per un futuro libero dal cancro

Decidere di fare una grande donazione ad AIRC, significa scegliere di lasciare il segno nella ricerca oncologica italiana ed essere al fianco di chi oggi lavora per realizzare un futuro libero dal cancro.

Grazie alla ricerca, sono stati raggiunti in questi anni grandi risultati: molte più persone oggi guariscono dal cancro. Molte ma non tutte. Per questo motivo continuiamo a lottare perché le risorse a disposizione della ricerca siano sempre di più.

Le grandi donazioni sono indispensabili per dare continuità al lavoro degli oltre 5.000 ricercatori finanziati da AIRC in Italia.

Cosa possiamo realizzare, insieme

Se deciderai di fare una grande donazione per dare più forza alla ricerca sul cancro, potrai scegliere di sostenere i progetti di AIRC con una donazione liberale o di finanziare uno specifico progetto.

I progetti fra cui scegliere sono molti -  borse di studio per l’Italia o per l’Estero, finanziamenti per giovani ricercatori e per ricercatori affermati – e hanno una durata che varia dai due ai cinque anni.

La nostra trasparenza. Qualunque sarà la tua scelta la tua donazione verrà impiegata con attenzione e ti coinvolgeremo aggiornandoti sullo sviluppo del tuo progetto in tutte le sue fasi, dalla pubblicazione del Bando, alla selezione del ricercatore, dall’avvio dei lavori di ricerca fino alla loro conclusione. Verrai puntualmente informato dei risultati ottenuti grazie alla tua grande donazione e, se lo desideri, potrai avere un contatto diretto con i ricercatori a cui sarà destinato il tuo contributo.

Inoltre se sceglierai di sostenere i costi di un intero progetto di ricerca – come una borsa di studio per l’Italia con una donazione di 25.000 € all’anno per due o tre anni o una borsa annuale per l’Estero con una donazione di 50.000 € - potrai intitolarlo alla memoria di una persona cara.

Le erogazioni liberali e le donazioni in memoria sono deducibili.

Una grande donazione per ricordare una persona amata

Le grandi donazioni possono essere fatte con il desiderio di onorare la memoria di una persona cara.

Donare in memoria significa molte cose.

Significa tentare di superare il dolore della perdita per dare nuove speranze a chi oggi sta lottando con la malattia.

Significa scegliere di ricordare una persona cara attraverso l’intitolazione di una borsa di studio o di un altro progetto di ricerca: per legare il suo nome alla lotta al cancro e al lavoro di un brillante ricercatore.

Donare in memoria significa anche voler fare una scelta che chi non c’è più avrebbe condiviso e apprezzato. Perché anche questo è un modo bellissimo di mantenere vivo il ricordo, di consegnare alle generazioni future l’eredità che chi amavamo ci ha lasciato: attraverso le scelte che ci ha ispirato.

Unità Grandi Donazioni

Vuoi fare una grande donazione? Chiamaci!

Se desideri essere in prima linea per la lotta contro il cancro, legando il tuo nome o quello di una persona cara alla tua donazione, non esitare a contattarci.

Per ogni domanda specifica e per individuare la formula di donazione e il progetto più adatto a te è a disposizione l’Ufficio Grandi donatori, diretto da Chiara Blasi.

Chiara Blasi
tel. 02 779 72 87
chiara.blasi@airc.it

Eleonora Erdas
tel. 02 779 72 89
eleonora.erdas@airc.it

Anna Massimiliani
tel. 02 779 72 94
anna.massimiliani@airc.it

Le testimonianze dei nostri Grandi Donatori

Il rapporto con i nostri grandi donatori si basa sulla fiducia e sulla condivisione dei valori e degli obiettivi di AIRC. Ma al comune desiderio di sconfiggere il cancro ogni grande donatore aggiunge una motivazione personale diversa: il ricordo di una persona cara, il desiderio di sentirsi utile per gli altri, la voglia di sostenere una nuova generazione di giovani ricercatori italiani.

Dietro ogni grande donazione c’è la storia di una persona, di una coppia, di una famiglia.

La storia di Livio

Livio scoprì la sua “vocazione femminista” al Collegio Ghislieri di Pavia, e ora si augura...

La storia di Giuseppina

Il desiderio di portare avanti una tradizione di famiglia è il motore delle donazioni di G...

La storia di Caterina

Dopo aver passato la vita lavorando con i bambini Caterina ha deciso con una parte dei ris...

La storia di Amedeo

Dopo vent’anni di piccole donazioni ricorrenti, la malattia che ha colpito la moglie ha sp...