Nato nel 1963 a Iserlohn (Germania), si è laureato in fisica all’Università di Gottinga (Germania) e nello stesso ateneo ha conseguito un dottorato di ricerca in biofisica. Dopo un breve periodo di post-dottorato all’Università di Genova, ha lavorato per 6 anni al Centro per la neurobiologia molecolare (ZMNH) di Amburgo. Oggi dirige un gruppo di ricerca incentrato sulle malattie genetiche associate ai canali ionici all’Istituto di biofisica del CNR a Genova.

Progetti seguiti

Volume-regulated Cl and oxidation-activated K channels in invasiveness and immunotherapy efficiency in human melanoma

Nome dell'istituzioneConsiglio Nazionale delle Ricerche
RegioneLiguria
Budget98.000 €
Tipo di progettoIG
Annualità2018 - 2023
Descrizione

Il progetto di ricerca ha come obiettivo la messa a punto di strategie per contrastare la formazione delle metastasi nel melanoma. Per sviluppare metastasi, le cellule tumorali devono migrare attraverso strette fessure intorno ai vasi sanguigni; per far ciò devono essere sottoposte a forti cambiamenti della forma e del volume cellulare. Questa trasformazione è resa possibile da specifiche proteine presenti nelle membrane cellulari (“canali ionici”). Il progetto, oltre ad approfondire il ruolo di alcuni canali ionici, vuole sviluppare inibitori dei canali allo scopo di impedire il processo della migrazione cellulare e dunque la formazione di metastasi. Lo stesso approccio verrà impiegato per studiare la risposta immunitaria, in particolare si vuole capire il ruolo degli stessi canali nella migrazione dei linfociti verso il tumore allo scopo di migliorare l’efficacia dell’immunoterapia.