Francesca Sacco

Nata a Napoli nel 1984, si è laureata in biologia cellulare e molecolare presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e, nello stesso ateneo, ha ottenuto un dottorato di ricerca. Dopo 5 anni al Max Planck Institute di Monaco, dove ha completato un periodo di ricerca post-dottorato, è rientrata in Italia nel 2017. Oggi fa ricerca e insegna presso il Dipartimento di biologia dell’Università di Roma Tor Vergata.

Progetti seguiti

Deciphering the mechanisms underlying the FLT3-mediated chemotherapeutic resistance in AML

Nome dell'istituzioneUniversità degli Studi di Roma "Tor Vergata"
RegioneLazio
Budget0 €
Tipo di progettoStart-Up
Annualità2018 - 2023
Descrizione

Il progetto ha lo scopo di ideare un nuovo trattamento farmacologico che possa aumentare la sensibilità delle cellule tumorali leucemiche alla chemioterapia. In una parte consistente dei pazienti con leucemia mieloide acuta, il tumore tende a dare recidive molto precoci a causa dell’insufficiente risposta alla chemioterapia e ciò compromette la sopravvivenza dei pazienti. L’idea alla base del progetto è che all’origine dell’inefficacia dei trattamenti possa esserci una specifica mutazione, a carico del gene FLT3, che altera i sistemi di comunicazione all’interno della cellula. Lo scopo finale della ricerca è descrivere nel dettaglio i flussi di comunicazione, gli attori coinvolti e le anomalie che determinano la resistenza alla chemioterapia. Ciò potrebbe consentire in futuro di ideare nuove strategie in grado di ripristinare l’efficacia dei trattamenti.