Premio Guido Venosta 2018: la farmacologia premiata al Quirinale

Premio Guido Venosta 2018: la farmacologia premiata al Quirinale

In occasione dei Giorni della Ricerca, il riconoscimento è stato assegnato a Maurizio D’Incalci, “il farmacologo dell’oncologia italiana”, che con le sue ricerche ha contribuito a portare al letto del paziente nuovi farmaci efficaci contro il cancro.

“Un riconoscimento ufficiale del ruolo svolto dalla farmacologia nella lotta contro i tumori e naturalmente anche una grande soddisfazione personale per me e per i ricercatori che lavorano con me” afferma Maurizio D’Incalci, ricercatore presso l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, vincitore del Premio Guido Venosta che ogni due anni viene assegnato a un ricercatore distintosi nel portare al letto del malato un’innovazione efficace.

Questa la motivazione: “Gli studi del dottor D’Incalci, ricercatore che ha spesso lavorato controcorrente, hanno significativamente contribuito allo sviluppo di nuovi farmaci antitumorali che hanno dimostrato un importante impatto clinico”.

La scelta di andare controcorrente ha in effetti caratterizzato diverse tappe della carriera del ricercatore, che sin dai primi anni degli studi di medicina ha pensato che lo scopo ultimo del suo lavoro dovesse essere il bene del paziente, qualcosa di concreto capace di uscire dal laboratorio di ricerca. “Più che andare controcorrente ho sempre creduto molto nel mio lavoro e nell’importanza della farmacologia, che considero una sorta di ponte tra discipline diverse e altrettanto utili nella lotta al cancro come la biologia molecolare o l’oncologia clinica” precisa.

Forte di questa convinzione, D’Incalci ha sfidato nel corso degli anni le tendenze del momento che puntavano su aspetti più molecolari e genetici della ricerca, diversi dalla farmacologia, considerata una disciplina “vecchia” e non più in grado di far progredire la lotta al cancro.

I traguardi raggiunti

Nel corso degli anni, le ricerche di D’Incalci si sono rivelate fondamentali nello sviluppo di farmaci che agiscono sul DNA (temozolomide, etoposide e altretamina), con una particolare attenzione a composti naturali isolati prevalentemente da organismi vegetali (taxani) e di origine marina (trabectedina). “Le potenzialità di questi composti sono enormi e in gran parte ancora da esplorare, a dimostrazione del fatto che la farmacologia può essere davvero ricca di novità da scoprire” afferma il ricercatore, ricordando gli anni in cui collaborava con gli Stati Uniti proprio sulla trabectedina, un composto oggi impiegato con successo per il trattamento di sarcomi e tumori dell’ovaio. “Il National Cancer Institute pensò di interrompere le ricerche dopo la constatazione di effetti collaterali del trattamento a livello del fegato” spiega il ricercatore, che invece decise di proseguire nei suoi studi convinto che grazie a studi approfonditi sulle proprietà farmacologiche del composto questo ostacolo potesse essere superato e che i benefici sarebbero arrivati al paziente.

“È un vero onore ricevere questo riconoscimento e spero che il premio rinnovi l’interesse verso la farmacologia, una disciplina che a mio parere può dare un contributo di grande rilievo all’oncologia moderna, all’interno di un approccio multidisciplinare” conclude.

  • Autori:

    Agenzia Zoe

  • Data di pubblicazione:

    30 ottobre 2018