Ormoni e stili di vita

Gli esami di controllo periodico sono importanti per la prevenzione del cancro, ma anche un corretto stile di vita e l'attenzione ad alcuni fattori consentono di diminuire il rischio di sviluppare un tumore.

Ultimo aggiornamento: 9 giugno 2014

Tempo di lettura: 35 minuti

Ormoni

Gli ormoni, e in particolare gli estrogeni, svolgono un ruolo fondamentale nel determinare il rischio di numerosi tumori femminili poiché utero, ovaie e seno sono molto sensibili alla loro azione. Per quel che riguarda il cancro del seno, l'esposizione agli ormoni dopo la menopausa ne aumenta il rischio, tanto che la terapia ormonale sostitutiva viene oggi usata per un periodo molto più breve che in passato e in casi strettamente necessari.

Tutti i fattori che aumentano il numero dei cicli mestruali - inizio precoce del ciclo, menopausa tardiva, assenza di gravidanze eccetera - possono aumentare la probabilità di sviluppare tumori dell'endometrio (il rivestimento interno dell'utero). Per questa ragione, secondo studi epidemiologici, in questo caso la pillola anticoncezionale rappresenta un fattore protettivo, mentre la terapia ormonale sostitutiva a base di soli estrogeni è un fattore negativo, anche se il rischio viene in qualche modo bilanciato associando agli estrogeni anche l'altra classe di ormoni femminili, chiamati progestinici.

Il tumore all'ovaio può essere sensibile agli ormoni che agiscono come una sorta di fertilizzante: anche in questo caso la terapia ormonale sostitutiva è controindicata, mentre la pillola anticoncezionale potrebbe avere un effetto protettivo, mettendo l'organo “a riposo” durante il suo uso.

La gravidanza, modificando la tipologia di ormoni circolanti, protegge sia il seno sia l'utero, favorendo la maturazione completa dei tessuti (così come l'allattamento).

Stili di vita

Gli esami di controllo periodico sono importanti per la prevenzione del cancro, ma anche un corretto stile di vita contribuisce a ridurre drasticamente il rischio di ammalarsi.

Le regole da adottare per raggiungere questo importante traguardo di prevenzione sono molto semplici e riguardano in modo particolare l'alimentazione, l'esercizio fisico e il fumo.

Non occorrono grandi sforzi: basta porre un po' di attenzione a ciò che si mangia e cercare di non condurre una vita troppo sedentaria. Mantenere il peso forma non è solo un'esigenza estetica, ma anche e soprattutto una scelta di salute contro l'insorgenza di molti tumori. Il consiglio migliore è quello di svolgere un'attività moderata per almeno 30 minuti al giorno e per almeno cinque giorni alla settimana. Questo tipo di attività può includere, per esempio, una passeggiata nel parco o la scelta di muoversi in bici e non in macchina.

Bisogna inoltre porre attenzione ad alcuni comportamenti apparentemente innocui, ma in realtà pericolosi come l'eccessiva esposizione al sole che, oltre ad accelerare l'invecchiamento della pelle, può causare tumori maligni della pelle. Ciò non significa rinunciare al sole, ma esporsi con moderazione e con le adeguate protezioni.

Infine, nel caso di fumo e alcol, i dati parlano chiaro per quanto riguarda i tumori: chi fuma aumenta il proprio rischio di tumore del polmone, della bocca e della vescica, oltre a influenzare tutte le patologie oncologiche; mentre il consumo eccessivo di alcol risulta cancerogeno per bocca, esofago e stomaco.

Queste semplici regole generali sono valide, con qualche opportuna modifica, a tutte le età.

  • Autori:

    Agenzia Zoe