La ricerca sul tumore al seno restituisce a migliaia di donne i loro progetti di vita

Valentina, Sara, Rossana sono donne a cui il tumore al seno non ha impedito di realizzare i propri progetti di vita, grazie ai risultati della ricerca e all’impegno dei ricercatori, che lavorano per trovare nuove terapie per chi affronta le forme più aggressive. Oggi sono loro le protagoniste della campagna Nastro Rosa di AIRC, in rappresentanza di tutte le donne colpite dal cancro al seno.

Simbolo della campagna è un nastro rosa incompleto, per non dimenticare il vero obiettivo: raggiungere un concreto risultato di cura per tutte. Per informazioni: nastrorosa.it  

Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro torna a indossare un nastro rosa incompleto, per sensibilizzare il pubblico e mostrare sostegno e vicinanza alle donne colpite dal tumore al seno, la neoplasia più diffusa nel genere femminile, che riguarda una donna su nove nell’arco della vita, con circa 53.000 nuove diagnosi in Italia solo nel 2019*.

 

A dare il via alla mobilitazione sarà, il primo ottobre, l’illuminazione in rosa di centinaia di palazzi comunali e monumenti in tutta Italia, grazie alla collaborazione fra AIRC e ANCI, Associazione Nazionale Comuni Italiani. Il 5 ottobre sarà la volta del Teatro alla Scala di Milano, che si tingerà simbolicamente di rosa per la Breast Cancer Campaign di The Estée Lauder Companies Italia.

 

Grazie ai costanti progressi della ricerca, la sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi è aumentata fino all’87%*, ma c’è ancora molto da fare per raggiungere il pieno obiettivo: curare tutte le donne, accompagnarle nella realizzazione dei loro progetti di vita, come le protagoniste della campagna Nastro Rosa di AIRC.

 

A 37 anni, scopro un nodulo al seno, ma rassicurata da un laboratorio di analisi, trascuro di fare ulteriori accertamenti. Anche perché nel frattempo scopro di essere incinta di una bambina” – racconta Valentina - “Alla venticinquesima settimana di gravidanza ho la diagnosi: carcinoma al seno ‘triplo negativo’, uno dei più aggressivi e difficili da curare. I giorni tra la biopsia e l’intervento sono i più duri, bisogna vedere se ci sono già delle metastasi. Ma l’operazione va bene, il tumore viene rimosso. Sono sottoposta a una chemioterapia studiata per me, per non danneggiare la bambina. Il 4 marzo nasce Anna e io completo il ciclo di chemioterapia e mi sottopongo a radioterapia. Oggi io e Anna, dopo 10 anni, stiamo benissimo”.

 

Valentina è una delle protagoniste di “TITS UP! Storie di donne in lotta contro il cancro al seno”, la serie podcast in 6 episodi nata dalla collaborazione fra Fondazione AIRC e Storielibere.fm, piattaforma editoriale di podcast audio affidati a narratori competenti e appassionati. Tits Up! racconta di donne che hanno affrontato o stanno affrontando sulla propria pelle un tumore al seno e hanno deciso di raccontarsi anche nei momenti più bui, tutte con il “petto in fuori”, come recita il titolo del podcast, un incoraggiamento e una citazione della serie tv “The Marvelous Mrs Maisel”. La serie è ideata e narrata da Samanta Chiodini, che in ogni episodio sarà affiancata dalla ricercatrice AIRC Lucia Del Mastro, Coordinatrice Breast Unit Policlinico San Martino di Genova. Il primo episodio con la storia di Valentina è disponibile al link storielibere.fm/tits-up-airc/ e su tutte le principali piattaforme di ascolto.    

Le sfide della ricerca

Oggi abbiamo diagnosi sempre più precoci, accurate e accessibili a un numero più ampio di donne, trattamenti più mirati, efficaci e tollerabili. Molte pazienti tuttavia aspettano risposte specifiche per le forme più aggressive che non rispondono alle terapie oggi disponibili, come accade per il tumore al seno triplo negativo, che colpisce soprattutto in giovane età, e per il carcinoma mammario metastatico, che riguarda circa 36.000 donne in Italia*.

 

Grazie alla fiducia dei propri sostenitori, AIRC negli ultimi cinque anni ha messo a disposizione oltre 40 milioni di euro per progetti di ricerca sul tumore al seno, tra cui quello di Luca Malorni, ricercatore AIRC presso l’Unità di oncologia dell’Ospedale di Prato: “Il progetto quinquennale che ho avviato a inizio 2020 punta ad approfondire le conoscenze su alcuni marcatori molecolari. Questi vengono utilizzati per capire in anticipo quali pazienti con tumore del seno metastatico in fase attiva trarranno benefici dalla terapia ormonale in associazione a farmaci a bersaglio molecolare e quali mostreranno invece resistenza alle cure. Oggi per queste pazienti sono disponibili vari farmaci a bersaglio molecolare, e altri sono in fase avanzata di sviluppo, per cui sarà sempre più importante mettere a punto dei test per guidare la scelta del composto più adatto a ciascuna paziente. Cominciare la terapia con il farmaco giusto sarà sempre più importante”.

 

Nel mese di ottobre AIRC diffonde informazioni e consigli sul sito nastrorosa.it, sui social media con l’hashtag #NastroRosaAIRC, attraverso la rivista Fondamentale e grazie alla collaborazione dei partner.

Aiutaci anche tu a sostenere la ricerca e a restituire a ogni donna il suo progetto di vita

  • con le spillette Nastro Rosa AIRC disponibili a fronte di una donazione minima di 2 euro nelle farmacie e nei punti di distribuzione indicati su it  
  • con carta di credito su it o chiamando il numero verde 800 350 350 (attivo dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 19.30)
  • chiamando il 4 5 5 2 1 da telefono fisso per donare 5 o 10 euro o inviando al 4 5 5 2 1 uno o più SMS del valore di 2 euro**
  • con Bonifico Bancario IBAN IT 18 N 05034 01633 000000005226
  • chi desidera promuovere la raccolta fondi con la distribuzione delle spillette, aprendo una pagina di raccolta fondi online, oppure organizzando una sfida sportiva o un piccolo evento, può farlo a questo link
  • per gli artigiani e le piccole imprese che vogliono sostenere la campagna con le loro attività è stato creato un percorso dedicato, attraverso questo link

 

Mediafriends dal 4 al 31 ottobre ha scelto di sostenere con Fabbrica del Sorriso la sfida dei ricercatori di Fondazione AIRC impegnati a trovare la cura per le forme più aggressive di tumore al seno, che colpiscono soprattutto le donne in giovane età. AIRC sarà presente nel palinsesto delle reti Mediaset per veicolare, informare e raccontare le storie di medici, ricercatori e donne che hanno avuto un’esperienza di tumore al seno e che oggi, grazie ai risultati della ricerca, hanno ripreso in mano la loro vita. Il pubblico potrà donare in tempo reale attraverso il numero solidale 45521 e con carta di credito su nastrorosa.it.

Le iniziative dei partner

Numerose aziende hanno scelto di sostenere insieme a Fondazione AIRC il progresso della ricerca sul tumore al seno.

 

Main Partner - The Estée Lauder Companies Italia

Main partner della campagna Nastro Rosa è The Estée Lauder Companies Italia, promotore a livello internazionale della Breast Cancer Campaign (BCC), ideata da Evelyn H. Lauder 28 anni fa insieme all’iconico nastro rosa. Per tutto il mese di ottobre, acquistando una selezione di prodotti del Gruppo Estée Lauder in oltre 2.000 profumerie, sarà possibile sostenere concretamente la ricerca sul tumore al seno di AIRC: i fondi raccolti saranno destinati al sostegno di una borsa di studio triennale per un giovane ricercatore al lavoro contro il tumore al seno.

Madrina della campagna italiana è Natasha Stefanenko. Il lancio della Breast Cancer Campaign 2020 avverrà il 5 ottobre con l’illuminazione in rosa del Teatro alla Scala di Milano, insieme ai monumenti rappresentativi di altri 70 Paesi. elcompanies.com

 

Acqua Vitasnella

Acqua Vitasnella rinnova la partecipazione alla campagna Nastro Rosa AIRC sostenendo una borsa di studio destinata a una giovane ricercatrice per un progetto di ricerca sul tumore al seno. Per tutto il mese di ottobre, inoltre, Vitasnella realizza un'edizione speciale tutta in rosa delle bottiglie da 0,50L con l’obiettivo di continuare a sensibilizzare le proprie consumatrici sull’importanza della prevenzione. acquavitasnella.it/partner

 

AICG - Associazione Italiana Centri Giardinaggio

AICG rinnova per il quarto anno il suo sostegno ad AIRC durante il Garden Festival d’Autunno, con i ciclamini rosa: per ogni piantina venduta nel corso del mese, i Centri Giardinaggio aderenti devolveranno un euro per i progetti di ricerca sul cancro al seno di Fondazione AIRC. aicg.it

 

 

 

ALDI

ALDI, multinazionale attiva nel settore della Grande Distribuzione Organizzata, aderisce per il terzo anno alla campagna Nastro Rosa con il duplice obiettivo di sostenere la ricerca sul tumore al seno di AIRC e di sottolineare l’importanza della prevenzione attraverso un’alimentazione sana ed equilibrata. Dal 5 ottobre al 1 novembre, con l’iniziativa “Il cestino della ricerca”, ALDI donerà ad AIRC parte del ricavato dalla vendita di una selezione di prodotti ortofrutticoli della linea esclusiva Natura Felice. oggiperdomani.it  

 

Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani

Anci invita i Comuni italiani a illuminare di rosa i palazzi comunali o un monumento significativo la notte del primo ottobre, in apertura del mese dedicato al tumore al seno, per richiamare l’attenzione dei cittadini sull’importanza del sostegno alla ricerca oncologica e della prevenzione. www.anci.it

 

Chiquita

In ottobre Chiquita sostiene il mese della sensibilizzazione sul tumore al seno trasformando l’emblematico Bollino Blu del marchio in un nastro rosa, il simbolo internazionale per la sensibilizzazione sul tumore al seno. L’iniziativa è diffusa a livello globale, con le banane Chiquita di tutto il mondo vestite in rosa per un intero mese. Chiquita ha scelto di sostenere il lavoro dei ricercatori AIRC in Italia, con un gesto concreto per testimoniare il proprio impegno per la sensibilizzazione sul tumore al seno.

 

Lome superfruit

L’azienda ha scelto di aderire alla campagna di sensibilizzazione, finanziando una borsa di studio per una giovane ricercatrice sul tumore al seno e vestendo con il nastro rosa la sua gamma di succhi mono-frutto e mix di frutta per tutto il mese di ottobre. lomesuperfruit.com

 

Fondazione Vodafone – DreamLab

Fondazione Vodafone Italia sostiene il Nastro Rosa AIRC con DreamLab, l’app che trasforma lo smartphone in un prezioso strumento per accelerare la ricerca sul cancro, attraverso la genomica computazionale. DreamLab offre a chiunque possieda uno smartphone la possibilità di contribuire alla lotta contro il cancro mentre il suo cellulare è inattivo, in carica, durante la notte.  La potenza di calcolo degli smartphone - normalmente impiegata per posta elettronica, app, streaming di video o musica - è infatti una risorsa inutilizzata durante la notte. Grazie a DreamLab, è stata messa a servizio del progetto di ricerca “Genoma 3D - Ricerca sul Cancro”, condotto con il sostegno di AIRC presso IFOM, l’Istituto FIRC di Oncologia Molecolare. voda.it/dreamlab

 

CASA

CASA, catena di negozi di arredamento e oggettistica in stile contemporaneo diffusa a livello internazionale, aderisce anche in Italia al Nastro Rosa AIRC. Dal 1 al 31 ottobre, nei suoi 85 punti vendita in tutta Italia, saranno distribuite le spillette AIRC con il nastro rosa a fronte di una donazione di 2 €. casashops.com 

 

Gruppo Gabrielli

Il Gruppo Gabrielli, azienda familiare della grande distribuzione, ribadisce il proprio impegno verso il pubblico sostenendo la campagna Nastro Rosa AIRC attraverso 50 tra supermercati e superstore delle insegne Oasi e Tigre. Dal 15al 28 ottobre presso le casse dei punti vendita selezionati tra Abruzzo, Marche, Molise, Umbria e Lazio, saranno distribuite le spillette AIRC con il nastro rosa a fronte di una donazione di 2€. gabrielliunika.it

 

Federfarma

Migliaia di farmacie hanno scelto di distribuire le spillette di AIRC con il Nastro Rosa, il simbolo della campagna: indossandolo è possibile contribuire concretamente alla ricerca sul tumore al seno – con una donazione minima di 2 euro – e dimostrare partecipazione e vicinanza alle donne che stanno combattendo questa battaglia, oltre a ricevere informazioni e consigli per la prevenzione. L’iniziativa è possibile grazie al supporto istituzionale di Federfarma, la Federazione nazionale che rappresenta oltre 17.000 farmacie private convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale, presenti capillarmente sul territorio.  federfarma.it  

 

Valore Salute

Anche Valore Salute, network di farmacie presenti su tutto il territorio nazionale, ha scelto di aderire all’appello e di promuovere la campagna in centinaia di farmacie: con una donazione minima di 2 € sarà possibile sostenere concretamente la ricerca sul tumore al seno e ricevere una spilletta AIRC con il simbolo del Nastro Rosa. valoresalute.it

  • Data di pubblicazione:

    21 settembre 2020