Sfida 3: le relazioni del tumore con il resto dell'organismo

Le cellule tumorali non vivono isolate: utilizzano le strutture dell'organismo e dei tessuti circostanti a loro favore per ottenere nutrimento e velocizzare la crescita. Trovare la chiave per rendere ostile l'ambiente intorno al tumore significa tagliargli i viveri ed eliminarlo, riducendo nello stesso tempo l'uso dei farmaci chemioterapici.

In questo settore sono già stati raggiunti alcuni risultati utili per i pazienti. Sono già in commercio farmaci che agiscono bloccando l'angiogenesi, la capacità dei tumori di creare nuovi vasi per portare loro nutrimento. Non tutti i fattori che costituiscono il cosiddetto microambiente tumorale sono tuttavia noti: nei prossimi anni bisognerà andare alla loro ricerca, completando il più possibile la mappa dei "complici" del tumore.

Una strategia che potrebbe rendere il tumore del pancreas sensibile all’immunoterapia

Nello studio coordinato da Teresa Manzo e Luigi Nezi, i ricercatori hanno scoperto che a rendere l’immunoterapia inefficace contro il cancro del pancreas potrebbe essere la difficoltà dei linfociti T di adattarsi ai cambiamenti metabolici del microambiente tumorale. Un’apposita modifica genetica potrebbe rendere queste cellule nuovamente in grado di combattere la malattia.

Per saperne di più