Nata a Milano nel 1983, si è laureata in biotecnologie mediche e medicina molecolare all’Università degli Studi di Milano. Ha conseguito il dottorato di ricerca in immunologia presso l’ospedale San Raffaele di Milano, trascorrendo l’ultima parte del dottorato alla Harvard Medical School a Boston, premiata da una borsa di studio EMBO.

Nel 2012 si è trasferita a Londra per un periodo di post dottorato all’University College London, per poi spostarsi all’MD Anderson Cancer Center a Houston. Dopo il ritorno in Italia, dal 2018 dirige un gruppo di ricerca presso l’Istituto europeo di oncologia a Milano.

Progetti seguiti

Epigenetic editing of metabolically exhausted CD8+ T cells to improve pancreatic cancer response to immunotherapy.

Nome dell'istituzioneIstituto Europeo di Oncologia I.R.C.C.S. S.r.l.
RegioneLombardia
Budget199.999,99 €
Tipo di progettoStart-Up
Annualità2019 - 2024
Descrizione

Il progetto di ricerca ha l’obiettivo di mettere a punto un nuovo approccio immunoterapeutico contro l’adenocarcinoma duttale del pancreas. Questa neoplasia risponde poco o per niente ai trattamenti che sfruttano la capacità del sistema immunitario di combattere il tumore, la cosiddetta immunoterapia. Ciò sembra essere dovuto alla particolare composizione del microambiente tumorale che induce cambiamenti nei linfociti T. Queste cellule a loro volta modificano il microambiente stesso e ne compromettono la capacità di contrastare il tumore. Scopo finale del progetto è ideare una nuova immunoterapia in grado di correggere i difetti funzionali indotti dal microambiente tumorale sui linfociti T e ripristinare così la loro capacità di combattere le cellule cancerose. Se questo approccio si dimostrerà valido e sarà sperimentato con successo anche nei pazienti, potrebbe successivamente essere impiegato anche in altre neoplasie solide, le più refrattarie all’immunoterapia.