Katia Scotlandi

Nata a Bologna nel 1962, si è laureata in scienze biologiche presso l’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, iniziando subito l’attività di ricerca. Si è trasferita quindi all’Istituto ortopedico Rizzoli, dove ha partecipato alla creazione e poi al consolidamento del Laboratorio di ricerca oncologica. Qui oggi è a capo della struttura CRS ‒ Sviluppo di terapie biomolecolari e del laboratorio di oncologia sperimentale. È inoltre docente presso l’Università di Bologna.

Progetti seguiti

Accelerating biomarkers and targeted therapy development in metastatic Ewing sarcomas: focus on tumor cell plasticity

Nome dell'istituzioneIstituto Ortopedico Rizzoli di Bologna I.R.C.C.S.
RegioneEmilia Romagna
Budget anno in corso210.000 €
Tipo di progettoIG
Annualità2019 - 2024
Descrizione

Scopo del progetto è individuare nuove terapie e strumenti di monitoraggio innovativi per il sarcoma di Ewing, un tumore raro delle ossa che colpisce soprattutto i bambini. Lo studio si concentra in particolare sullo studio delle caratteristiche che portano le cellule di sarcoma a sopravvivere e a crescere in organi distanti dalla sede primaria del tumore. Più precisamente saranno esaminati i meccanismi molecolari associati a tre molecole che svolgono un ruolo importante nel processo metastatico: IGF2BP3, CD99 e membri della famiglia di geni ABCA. L’efficacia di farmaci capaci di interferire con la loro azione sarà valutata. Il progetto punta inoltre a identificare marcatori presenti nel sangue in grado di predire l’andamento clinico della malattia.