Al sole dove, come, quando

sole-consigli

Tutti gli anni, a primavera, quotidiani, riviste, siti internet si riempiono di indicazioni su come abbronzarsi senza rischi, soprattutto con riferimento agli orari in cui ci si può esporre al sole. Anche le indicazioni delle più autorevoli istituzioni scientifiche internazionali sono però spesso contraddittorie a questo riguardo: c'è chi dice di stare attenti quando il sole è a picco, chi raccomanda di restare all'ombra dalle 10 del mattino alle 5 del pomeriggio, chi dalle 11 alle 3.

In realtà queste indicazioni, oltre che dal fototipo, dipendono da diversi fattori, di cui occorre tener conto con buon senso.

La stagione

È evidente che in una bella giornata invernale si può fare una passeggiata al parco nelle ore centrali della giornata senza timore di scottarsi, ma il primo sole di primavera può cogliere impreparati i fototipi più chiari, che rischiano scottature anche in aprile in città. Il periodo in cui bisogna stare più attenti, nell'emisfero settentrionale, va comunque da maggio a settembre; nell'emisfero meridionale, da novembre a marzo.

L'altitudine

Gli effetti dei raggi UV sono maggiori in alta montagna, perché lo strato di atmosfera che può assorbire le radiazioni nocive provenienti dal sole è più sottile. Qui occorre proteggersi anche in inverno, tanto più che la neve, come la sabbia o l'acqua del mare o dei laghi, riflette i raggi solari aumentandone la potenza: si calcola, infatti, che la neve rifletta il 75% dei raggi capaci di provocare scottature, la sabbia il 15%, il calcestruzzo il 10% e l'acqua dal 5 al 10% a seconda che sia tranquilla o mossa da onde.

La latitudine

Il grado di protezione necessaria e gli orari in cui ci si può esporre al sole in sicurezza cambiano moltissimo in relazione alla distanza dall'equatore del luogo in cui ci si trova, perché quanto più perpendicolari alla superficie terrestre sono i raggi del sole, tanto più sottile è lo strato di ozono che devono attraversare: le regole da darsi non possono quindi essere le stesse se ci si trova sulla spiaggia di Brighton o in un atollo delle Maldive.

Le condizioni meteo

Se il sole è nascosto da uno spesso strato di nuvoloni neri, come nel corso di acquazzoni e temporali estivi, è difficile che possa fare danni. Un compatto strato nuvoloso permette però il passaggio del 30-40% dei raggi UV; se quindi le nuvole si alternano a sprazzi di sereno, il livello di irradiazione può aumentare molto, raggiungendo l'80% se il cielo è coperto solo a metà.

In queste condizioni è quindi più facile scottarsi, soprattutto perché si tende a sottovalutare il tempo di esposizione rispetto a quando il tempo è sereno.

Le previsioni del sole

La crescente consapevolezza dei rischi legati a un'eccessiva esposizione al sole ha spinto molti giornali a pubblicare, accanto alle previsioni del tempo, quelle del grado di irradiazione solare. Come leggerle?

  • Livello di rischio basso: non occorre nessun tipo di protezione, neppure nelle ore centrali della giornata.
  • Livello di rischio intermedio: applicare una crema protettiva e indossare un cappello se si resta molto al sole, soprattutto nelle ore centrali della giornata.
  • Livello di rischio alto: applicare una crema solare protettiva almeno di fattore 15 ogni due ore, indossare cappello e occhiali da sole, restare all'ombra nelle ore centrali della giornata.
  • Livello di rischio altissimo: seguire ancora più scrupolosamente le indicazioni del punto precedente.
Top

Partire per tornare:
la nostra strada verso nuove cure

in-viaggio-con-la-ricerca-logo

Scopri il programma di donazione continuativa che permette ai nostri ricercatori di rientrare in Italia e sviluppare le cure più innovative.

Aderisci subito: scegli quando e quanto donare!

 

Resta in contatto