Spreafico sostiene la ricerca con le pere Abate

Spreafico sostiene la ricerca con le pere Abate

Insieme alla frutta che in autunno colora le nostre tavole, Spreafico lancia una campagna di raccolta fondi per AIRC all’insegna della salute

Il gruppo Spreafico, azienda di riferimento nel settore ortofrutta da oltre 60 anni, lancia sul mercato la confezione di pere Abate 100% italiane, donando alla ricerca 5 centesimi per ogni kg di pere venduto.

La famiglia Spreafico si affianca ad AIRC per incoraggiare l’adozione di abitudini alimentari e stili di vita salutari ed equilibrati.

Le vaschette sono riutilizzabili e compostabili, nel rispetto dell’ambiente, oltre che collezionabili perché contengono i preziosi consigli del Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro e 5 ricette realizzate in esclusiva per l'iniziativa.

Potete trovare per tutto il mese di novembre le confezioni di pere che sostengono la ricerca presso Bennet, Cedi Marche, Coop del nordovest e nordest, Mercatò, PAM, Sigma e tanti altri punti vendita.

Frutta e verdura, protagonisti della prevenzione

I vegetali dovrebbero essere la base dell’alimentazione quotidiana, in termini di quantità. Sono importanti per mantenersi in salute e proteggono da molti tipi di tumore, come confermano le ricerche scientifiche, finanziate anche da AIRC, che hanno permesso di scoprire qual è il modo più corretto di stare a tavola.

Il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro, che da anni si occupa del rapporto tra cancro e alimentazione, ha sintetizzato in dieci raccomandazioni le evidenze scientifiche più importanti. Approfondisci qui.

Le ricette

Spreafico ha scelto lo Chef Sergio Maria Teutonico, La Palestra del Cibo, per ideare e realizzare cinque ricette che hanno le pere Abate protagoniste dei piatti.

Insalatina di pere e sfoglie di pane

Ingredienti:

200 g pane Carasau
4 uova sode
1 grossa pera Abate
1 piede di indivia belga
1 palla piccola di radicchio
1 finocchio piccolo
20 g di semi di girasole
5 g di semi di sesamo
semi di papavero
1 limone (il succo)
125 g yogurt naturale
sale
pepe

Come fare:

Tagliare le uova a spicchi, tagliare in sottili strisce le insalate dopo averle lavate con cura.
Sbriciolare il pane carasau, tagliare a fiammifero la pera Abate e affettare sottilmente il finocchio.
Emulsionare lo yogurt con il succo di limone regolando di sale e di pepe.
Formare l’insalata unendo tra loro tutti gli ingredienti avendo cura di disporre le uova per ultime ricoprendo con la salsa allo yogurt, i semi e briciole di pane.

Ciambotto di riso integrale, pere Abate e merluzzo

Ingredienti:

500 g di merluzzi freschi e puliti
1 grossa pera Abate
400 g acqua
200 g di polpa di pomodoro
100 g di riso integrale
1 cipolla piccola
1 gambo di sedano
1 carota piccola
1 limone (la buccia)
prezzemolo tritato
olio extravergine di oliva
sale
peperoncino a piacere

Come fare:

Preparare un trito di pera abate, sedano, carota, cipolla, aglio e prezzemolo.
Aggiungervi la scorzetta del limone grattata con la grattugia e il prezzemolo tritato.
Mettere poco olio extravergine di oliva in una casseruola capiente e farvi rosolare il trito di verdure con dolcezza.
Aggiungere i merluzzi tagliati in pezzi grossi e se sono piccoli lasciarli interi.
Coprire la casseruola e lasciare cuocere a fuoco dolce per dieci minuti.
Togliere i merluzzi dalla casseruola, aggiungere il riso, l’acqua e il pomodoro.
Lasciare cuocere rimestando di tanto in tanto fino alla cottura del riso.
Adagiare sul riso ormai cotto i merluzzi che nel frattempo avremo privato delle lische e delle teste.
Condire con prezzemolo, peperoncino, un filo d’olio e se occorre regolare di sale
Servire subito.

Minestra di ceci e gnocchetti integrali alle pere

Ingredienti:

ceci:

500 g di ceci secchi
1 patata lessa
100 g di polpa di pomodoro
rosmarino
alloro
aglio
cipolla
2 acciughe sott’olio
olio extravergine di oliva

gnocchetti integrali alle pere:

250 g farina integrale
150 di pera Abate
erba cipollina
alloro

Come fare:

ceci

Mettere i ceci in ammollo almeno dodici ore prima della loro cottura cambiando l’acqua alcune volte. Scolare e sciacquare con cura i ceci prima di metterli in cottura.
Sciacquare e asciugare le acciughe sott’olio e poi tritarle insieme a aglio e cipolla.
In una pentola capiente scottare in poco olio e a calore dolcissimo il trito appena preparato.
Appena le verdure diventano trasparenti e le acciughe di sono sciolte potrete unire le erbe aromatiche a vostro piacere intere o tritate.
Aggiungere i ceci e lasciarli insaporire per alcuni minuti nel fondo di verdure ed erbe.
Unire il pomodoro, mescolare e fare cuocere altri cinque minuti.
Ricoprire i ceci con abbondante acqua (1,5 litri).
Portare a bollore dolce e lasciare cuocere fino a che i ceci non saranno morbidi.
Recuperare metà dei ceci e tenerli da parte.
Aggiungere la patata lessa ai ceci nella pentola e frullare tutto con un mixer a immersione.
Aggiungere i ceci messi da parte e proseguire con la cottura a fuoco dolcissimo per altri venti minuti almeno. La minestra non dovrà essere troppo densa.

gnocchetti

Cuocere le pere a pezzi in poca acqua con qualche foglia di alloro, le pere dovranno ammorbidirsi quel tanto che basta per poterle frullare.
Scolarle, asciugarle e ricavarne una purea a cui aggiungere l’erba cipollina tritata.
Unire la farina, impastare ricavandone un composto liscio e piuttosto morbido. Dal composto ottenere degli gnocchetti di un centimetro di lunghezza e mezzo centimetro di diametro.
Mettere gli gnocchetti in cottura nella minestra di ceci per una decina di minuti. Servire con un filo d’olio a crudo e altra erba cipollina tritata al momento.

Chips di pera alla curcuma, cime di rapa e alici

Ingredienti:

500 g di pere Abate
500 g di cime di rapa (o broccolo)
300 g alici freschissime
2 spicchi di aglio
20 g olio extravergine di oliva
100 farina di riso integrale
curcuma fresca
prezzemolo
sale
pepe nero

Come fare:

chips di pera

Lavare con cura le pere, lasciandole con la buccia.
Ricavarne dei dischi sottili un paio di millimetri aiutandosi con una mandolina affilata.
Frullare al mixer la curcuma fresca con tutta la buccia, un pizzico di farina di riso, poco pepe e pochissimo sale.
Unire lo sfarinato alla farina di riso che resta e ed infarinarvi le fettine di pera.
Disporre le fette di pera su carta da forno e cuocere in forno a 70°C per 60 minuti lasciando che asciughino.
Nel frattempo pulire con cura le cime di rapa, pulire le alici, tritare l’aglio e tritare il prezzemolo.

cime di rapa e le alici

In una casseruola capiente scaldare un filo d’olio facendo imbiondire l’aglio.
Aggiungervi le cime di rapa tagliate in strisce grossolane e lasciare cuocere a calore dolcissimo fino a quando non saranno appassite.
Aggiungere a questo punto le alici e mescolando con delicatezza fare cuocere per alcuni minuti alzando la fiamma.
Regolare di sale e di pepe e lasciare intiepidire.
Aiutandosi con una coppa formare un primo strato di pere alla curcuma seguito da uno strato di cime di rapa e alici. Alternare gli strati terminando con uno strato di pere.
Decorare con curcuma, prezzemolo e pepe prima di servire.

Morbido di pera, zenzero e banana

Ingredienti:

300 g di pere
300 g banane
2 uova
½ limone (succo)
20 g miele di millefiori
foglie di menta fresca
un pezzo di zenzero fresco

Come fare:

Ridurre in purea le banane, condirle con il succo di limone ed incorporarvi metà delle pere tagliate in cubetti di 5 millimetri di lato.
Separare i tuorli dagli albumi, tritare asciugare parte delle foglie di menta.
Preparare un bagno-maria e montarvi le uova con il miele, l’acqua non dovrà mai bollire e le uova dovranno almeno triplicare il loro volume.
Incorporare la purea di banane e pere alle uova aggiungendo zenzero grattugiato a piacere.
Versare il composto in uno stampo dai bordi lisci che avrete foderato con pellicola trasparente.
Mettere in congelatore e lasciare indurire il composto per alcune ore, meglio se per una notte.
Prima di servire il cremoso toglierlo dal congelatore e lasciarlo a temperatura ambiente per una ventina di minuti.
Decorare con foglie di menta fresca e pezzetti di pera Abate tagliati al momento.

  • Autori:

    Redazione

  • Data di pubblicazione:

    31 ottobre 2019