Nuove prospettive per il trattamento del mesotelioma

Un gruppo di ricercatori italiani ha messo a punto una nuova terapia per il trattamento del mesotelioma pleurico, un tipo di tumore contro il quale spesso le terapia tradizionali non hanno alcun effetto.

Il mesotelioma pleurico è un tumore che colpisce la pleura ossia la membrana che avvolge i polmoni. La causa di questo tumore è prevalentemente legata all'esposizione a fibre di amianto. Il decorso di questa malattia è spesso infausto e molti pazienti rispondono poco o nulla alle terapia tradizionali. A causa di queste caratteristiche in Italia più di mille persone all'anno muoiono per questa neoplasia. Al convegno mondiale sul mesotelioma tenutosi recentemente a Chicago sono stati presentati i dati relativi a una scoperta fatta da un gruppo di ricercatori del Gruppo Italiano Mesotelioma in collaborazione con l'Istituto Tumori di Genova. Lo studio è stato condotto all'Università del Piemonte Orientale e finanziato dall'AIRC. I ricercatori hanno messo a punto un nuovo trattamento a base di imatinib (un farmaco già utilizzato per il trattamento di alcune forme di leucemia e di due tumori rari ) più chemioterapia in grado di colpire selettivamente le cellule di mesotelioma. Oltre a essere particolarmente efficace, questa terapia si è dimostrata essere anche poco tossica (un problema sempre da tenere presente soprattutto nei trattamenti anti tumorali). Questi risultati incoraggianti hanno già portato ad effettuare uno studio clinico pilota in Italia e l'estensione dello stesso anche ad alcuni centri inglesi. La conferma dell'efficacia di questo tipo di trattamento apre nuove prospettive che potrebbero realisticamente rivoluzionare in pochi anni la prognosi dei pazienti con mesotelioma.

Ricerca pubblicata su:
Thorax

Titolo originale:
Preliminary Data Suggestive Of A Novel Translational Approach To Mesothelioma Therapy: Imatinib Mesylate With Gemcitabine Or Pemetrexed

Data Pubblicazione:
08/2007

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto