I linfociti traditori aiutano il tumore del pancreas

Dai laboratori milanesi del San Raffaele una nuova luce sull'interazione tra tumore del pancreas e l'ambiente circostante

È un gruppo di cellule del sistema immunitario a dare il via libera alla crescita e alla diffusione del tumore del pancreas: invece di difendere l'organismo, si alleano con la malattia e la alimentano.

Come spiegano i ricercatori coordinati da Maria Pia Protti del gruppo di Immunologia dei tumori dell'Istituto San Raffaele di Milano, per riuscire a convincere le nostre difese naturali a "tradire" l'organismo, le cellule tumorali dialogano a ritmo serrato con il microambiente che le circonda.

Un dialogo che si svolge a livello molecolare e che viene descritto in dettaglio dai ricercatori sul Journal of Experimental Medicine. In genere i linfociti T producono speciali proteine "d'attacco", chiamate citochine, capaci di combattere il tumore. Quando vengono reclutati dalla malattia, i linfociti T "corrotti" cominciano a produrre citochine diverse che anziché bloccarla, ne favoriscono la crescita.

I ricercatori milanesi sono riusciti a identificare le molecole coinvolte in questo complesso meccanismo: un passo importante per lo sviluppo di nuove terapie contro un tumore che ancora oggi è molto aggressivo e difficile da curare.

"Per alcune di queste molecole sono già disponibili anticorpi capaci di bloccarne l'attività" spiega Lucia De Monte, autrice del lavoro. Protti sottolinea anche un altro importante risultato ottenuto dalla ricerca: "Abbiamo osservato, in una casistica di pazienti sottoposti a intervento chirurgico, che esiste una correlazione tra quantità di linfociti deviati, presenti nel tumore, e prognosi della malattia".

Ricerca pubblicata su:
Journal of Experimental Medicine

Titolo originale:
Intratumor T helper type 2 cell infiltrate correlates with cancer-associated fibroblast thymic stromal lymphopoietin production and reduced survival in pancreatic cancer

Data Pubblicazione:
03/2011

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto