Leucemia e terapia genica: l'importanza delle cellule T staminali della memoria

Identificato il sottotipo di linfociti T modificati geneticamente, trapiantati e capaci di persistere più a lungo nei pazienti con leucemia. Una scoperta che renderà ancora più efficaci le nuove strategie di cura.

Sulla carta l'idea è semplice: usare i linfociti T - cellule del sistema immunitario capaci di riconoscere e aggredire cellule estranee o anomale - come strumenti in più per combattere il cancro. In clinica le cose sono sempre un po' più complicate, ma l'approccio è già alla base di alcune sperimentazioni, come quella partita nel 2000 a Milano per il trattamento della leucemia acuta con una combinazione di trapianto di midollo osseo e infusione di linfociti T, entrambi da donatore. In particolare, i linfociti erano stati modificati geneticamente in modo da poter essere inattivati se avessero dato qualche complicazione.

Dopo 15 anni Chiara Bonini e colleghi dell'Ospedale San Raffaele di Milano sono tornati a studiare il sistema immunitario di alcuni di quei pazienti, per vedere che cosa fosse successo alle cellule T trapiantate. I risultati del loro lavoro, pubblicati su Science Translational Medicine, aprono la strada a strategie di terapia genica sempre più efficaci.

"Esistono diversi sottotipi di cellule T della memoria, ma noi non sapevamo quali, tra quelli infusi all'inizio della sperimentazione, fossero i più capaci di persistere a lungo" dichiara Bonini. Il fatto che quelle cellule fossero geneticamente modificate era un vantaggio: avevano una sorta di marchio che le rendeva riconoscibili. Così è stato possibile verificare quali fossero ancora presenti nel sistema immunitario dei pazienti. Un lavoro lungo e complesso, basato sul sequenziamento e l'analisi del DNA di migliaia di cellule diverse e reso possibile grazie al contributo fondamentale di AIRC. In questo modo Bonini e colleghi hanno scoperto che, anche se all'inizio erano stati infusi vari sottotipi di linfociti T modificati, la maggior parte di quelli ancora presenti nei pazienti derivava da un unico sottotipo, le staminali della memoria immunitaria.

"Avere capito quali cellule T trapiantate persistono è importantissimo, perché ci permette di sapere su quale sottotipo puntare per le prossime sperimentazioni di terapia genica" commenta Bonini. "Se a resistere più a lungo sono le staminali della memoria immunitaria, è meglio puntare direttamente su di loro". A questo punto, dunque, l'obiettivo è la messa a punto di staminali della memoria modificate appositamente per combattere in modo ancora più specifico le cellule tumorali.

Ricerca pubblicata su:
Science Translational Medicine

Titolo originale:
Tracking genetically engineered lymphocytes long-term reveals the dynamics of T cell immunological memory

Data Pubblicazione:
12/2015

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

5 X 1000 X AIRC

Cinque per 1000

Inserisci il codice fiscale di AIRC nello spazio destinato al 5X1000 della tua dichiarazione dei redditi e aiutaci a moltiplicare i risultati della ricerca.

Richiedi un sms promemoria con il codice fiscale!

 

Disarmare i tumori

Piero Angela  ci guida alla scoperta delle dieci proprietà biologiche, comuni a ogni tipo di tumore, su cui la ricerca sta lavorando per migliorare la diagnosi, la prognosi e la cura dei tumori.

Guarda il video

Resta in contatto

TIENITI INFORMATO

UNA CORRETTA INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER PREVENIRE IL CANCRO.

X
Come da informativa sulla privacy acconsento al trattamento dei miei dati
Iscriviti alla newsletter