Combattere il colesterolo serve anche a fermare i tumori

Grazie alla collaborazione di ricercatori italiani e svedesi è stato scoperto il meccanismo che permette al tumore di bloccare l'azione del sistema immunitario utilizzando molecole che derivano dal colesterolo.

Il nostro sistema immunitario rappresenta potenzialmente una possibile difesa contro il tumore, riconoscendo come "estranee" le cellule tumorali e distruggendole, ma a volte è il tumore stesso a mettere in atto strategie che gli permettono di farla franca e superare lo sbarramento.
Stando alle più recenti scoperte scientifiche, alcune di queste strategie utilizzano il colesterolo ed i suoi derivati, che non sono dunque pericolosi solo per le nostre arterie, ma costituiscono anche un fattore di rischio per i tumori. I ricercatori dell'Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano, coordinati da Vincenzo Russo, hanno fatto luce su una di queste strategie del tumore che si basa sulla produzione di molecole che si legano (cioè sono, in termine tecnico, dei ligandi) a una proteina nota come LXR.

Questi ligandi di LXR riescono a bloccare l'azione di particolari cellule coinvolte nel processo di difesa immunitaria, le cosiddette cellule dendritiche. In pratica, a causa dell'azione dei ligandi di LXR, le cellule dendritiche non sono più in grado di arrivare a destinazione, cioè di muoversi verso gli organi dove possono attivare la risposta immunitaria, inclusa quella contro il tumore e così il tumore ha via libera per svilupparsi e diffondersi nell'organismo.
L'équipe del San Raffaele, in collaborazione con colleghi milanesi e svedesi, non si è però limitata a individuare il meccanismo molecolare che blocca il sistema immunitario, ma ha anche suggerito alcuni trattamenti capaci di aiutare la cellula dendritica a superare tale sbarramento. Un gruppo di farmaci utilizzati in medicina per diminuire il livello di colesterolo plasmatico, per esempio, è efficace anche per riattivare il sistema immunitario e far regredire il tumore nei modelli sperimentali dello studio, portato a termine anche grazie al sostegno di AIRC.

L'uso di terapie anticolesterolo per combattere il tumore è curioso solo in apparenza, dal momento che i ligandi di LXR sono molecole che derivano dal colesterolo e questi farmaci sono in grado di bloccarne la produzione.
"La ricerca rappresenta un passo avanti sia nella conoscenza dei meccanismi biologici che rendono i tumori insensibili all'attacco delle cellule del sistema immunitario, sia nell'identificazione di nuovi target terapeutici che consentiranno di mettere a punto, nei prossimi anni, nuove terapie antitumorali" conclude Vincenzo Russo.

Ricerca pubblicata su:
Nat Med.

Titolo originale:
Tumor-mediated liver X receptor-alpha activation inhibits CC chemokine receptor-7 expression on dendritic cells and dampens antitumor responses.

Data Pubblicazione:
12/2009

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto