Dal genoma alla cura la ricerca corre

I ricercatori faranno il punto sulle grandi scoperte della genetica con gli studenti delle scuole superiori e dell'università

dal genoma ricercaSono passati 10 anni dall'annuncio della completa decodifica del genoma umano, una scoperta che ha cambiato il volto della biologia e della ricerca oncologica in particolare. E se nel 2000 per decodificare un solo gene ci volevano mesi, oggi siamo in grado di processare migliaia di geni in poche ore. Tutto ciò ha portato a scoperte importanti nella cura del cancro, come i farmaci biologici diretti verso specifici bersagli.

I progressi della ricerca stanno illuminando la funzione della "materia oscura", quella parte di DNA di cui fino a oggi non si conosceva l'utilità, e il suo ruolo nella genesi dei tumori e nella predisposizione a svilupparli. In occasione della Giornata per la ricerca sul cancro, giovedì 10 novembre si terranno gli incontri con i ricercatori in tre grandi università: a Milano, presso il Politecnico; a Roma, presso La Sapienza; e a Napoli, presso l'università Federico II.

Ad ascoltare gli esperti di AIRC ci saranno gli studenti di medicina, di biologia e di ingegneria biomedica, ma gli incontri saranno aperti a tutta la cittadinanza. Obiettivo: spiegare loro che l'oncologia è un settore di punta della ricerca, in cui si ottengono risultati rapidamente applicabili ai pazienti grazie allo sviluppo di nuove tecnologie e all'espansione delle conoscenze nell' ambito della diagnostica molecolare e in farmacologia. Nuovi farmaci hanno visto la luce e, grazie alle maggiori conoscenze sui possibili bersagli, si sono individuate nuove applicazioni anche per vecchie molecole.

Non basta però puntare ai futuri ricercatori per battere il cancro: bisogna anche educare i giovanissimi affinché adottino corretti stili di vita, facciano prevenzione, e comprendano l'importanza culturale della ricerca scientifica. Per questo AIRC, che finanzia oltre 4.000 ricercatori, ha deciso di investire sugli studenti delle scuole superiori con un progetto che durerà tutto l'anno e che porterà nella scuola l'attualità della ricerca, offrendo ai docenti materiali rigorosi dal punto di vista scientifico e favorendo il coinvolgimento attivo dei ragazzi.

Il progetto, realizzato in collaborazione con l'Istituto FIRC di oncologia molecolare (IFOM), sarà lanciato proprio in occasione della Giornata: circa 60 ricercatori si recheranno nelle aule per incontrare gli studenti, raccontare la propria storia professionale e illustrare i progressi della ricerca. La Giornata si dilata in una settimana di informazione che coinvolgerà i canali radiotelevisivi della RAI, la stampa quotidiana e periodica e il web.

Gli effetti noti dei diversi inquinanti

  • STACCA IL TUO MATTONCINO CON ESSELUNGA E I VOLONTARI AIRC - 5 novembre

    Saranno i volontari a invitare i clienti dei supermercati Esselunga a staccare e portar via uno dei mattoncini che comporranno un muro di magneti con la parola "incurabile". Obiettivo: contribuire con una quota associativa di 10 euro alla ricerca contro il cancro, perché si sgretoli, in senso figurato ma anche nella realtà, l'incurabilità di questa malattia. L'iniziativa, sostenuta interamente da Esselunga, richiederà un particolare impegno da parte dei volontari, dato il valore simbolico e non commerciale dello scambio: chi parteciperà avrà in ricordo il magnete che avrà staccato dal muro che verrà eretto in 127 supermercati Esselunga.

  • UN GOL PER LA RICERCA - 5/6 novembre

    Alessandro Del Piero, Pato e Javier Zanetti sono gli ambasciatori di AIRC nel mondo del calcio che sabato 5 e domenica 6 novembre scende in campo per invitare gli appassionati a segnare il loro gol per la ricerca con una donazione in risposta agli appelli lanciati, attraverso i media sportivi, da calciatori, allenatori, giornalisti, opinionisti, tifosi noti al grande pubblico. Partner di questa iniziativa sono Lega Serie A e Associazione Italiana Arbitri. TIM inoltre offre ad AIRC importanti spazi di comunicazione sui campi e nelle aree interviste degli stadi per ricordare al pubblico il numero attraverso cui donare.

  • SETTIMANA DELLA BUONA SPESA - 5/12 novembre

    La Settimana della Buona Spesa, dal 5 al 12 novembre, è da anni un'occasione per sostenere il lavoro dei ricercatori. I principali supermercati italiani contribuiranno con una percentuale degli incassi ad aiutare AIRC e chi fa la spesa potrà fare la propria parte facendo una donazione attraverso il ccp allegato al pocket informativo I più buoni del mondo, dedicato quest'anno alla cucina etnica. In un mondo sempre più globalizzato, in cui si viaggia e si incontrano differenti tradizioni alimentari è importante scoprire i benefici che la cucina etnica può portare alla salute. Allargare i nostri orizzonti attraverso la scoperta di sapori di altre culture, ad esempio introducendo nella dieta alcune spezie che hanno un dimostrato effetto protettivo, vuol dire anche incrementare gli strumenti che abbiamo a disposizione per prevenire il cancro. All'interno ricette provenienti da tutto il mondo.

  • RAI PER AIRC - 7/13 novembre

    Dal 7 al 13 novembre RAI dedica ad AIRC importanti spazi di approfondimento sulle sue reti televisive e radiofoniche, sul sito web e sulle testate giornalistiche per raccontare l'impegno della ricerca per rendere il cancro sempre più curabile. In primo piano come sempre le testimonianze dei protagonisti della ricerca: i ricercatori e le persone che hanno beneficiato dei risultati delle loro scoperte. I più amati conduttori RAI, capitanati dalla madrina Antonella Clerici, invitano il pubblico a donare per dar vita a una nuova generazione di ricercatori attraverso un articolato percorso pluriennale di formazione e di specializzazione in Italia e all'estero. Contribuire ai progetti scientifici di AIRC è semplice, come mandare un SMS o fare una telefonata. I principali gestori di telefonia fissa e mobile mettono a disposizione la loro tecnologia per ricevere in tempo reale le donazioni con SMS o con chiamata, in particolare durante la maratona promossa da RAI. Sono al nostro fianco da anni TIM, Vodafone, Wind, Tre, Telecom, Infostrada, Fastweb, Tiscali, TeleTu e nuovi operatori si aggiungono di volta in volta per ampliare sempre di più la platea dei possibili donatori.

  • INCONTRI CON LA RICERCA NELLE UNIVERSITÀ - 10 novembre

  • CERIMONIA AL PALAZZO DEL QUIRINALE - 11 novembre

    Appuntamento con la tradizionale cerimonia al Palazzo del Quirinale, per celebrare la Giornata per la Ricerca sul Cancro: il Presidente della Repubblica, insieme alle massime istituzioni dello Stato, riceverà AIRC. Pubblico privilegiato sarà l'eccellenza dell'oncologia italiana finanziata da AIRC, insieme ai sostenitori piccoli e grandi che garantiscono sempre la continuità della ricerca. In quest'occasione il Presidente consegnerà il Premio AIRC "Credere nella Ricerca" a chi si è particolarmente impegnato a fianco di AIRC per sostenere la ricerca sul cancro.

  • AIRC ENTRA NELLA SCUOLA - 11 novembre

Top

Leggi anche

Traguardi dei nostri ricercatori

I traguardi dei nostri ricercatori

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Fai prevenzione

Fai prevenzione

Resta in contatto

TIENITI INFORMATO

UNA CORRETTA INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER PREVENIRE IL CANCRO.

X
Come da informativa sulla privacy acconsento al trattamento dei miei dati
Iscriviti alla newsletter