Progressi della ricerca AIRC

Una selezione dei risultati pubblicati negli ultimi mesi dai ricercatori finanziati da AIRC sulle riviste scientifiche internazionali.

I progressi della ricerca AIRC

Sul seno una scoperta inaspettata

I ricercatori guidati da Giannino Del Sal del Laboratorio internazionale CIB e dell'Università di Trieste hanno fatto una scoperta che potrebbe aprire la strada a nuove strategie contro il tumore del seno. "Cercando sostanze capaci di bloccare l'attività di YAP, una proteina importante per la proliferazione e l'aggressività di molti tumori, ci siamo imbattuti in un'associazione inattesa che lega gli ormoni glucocorticoidi e il cancro al seno" spiega il ricercatore, destinatario di un finanziamento AIRC 5 per mille. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Communications, sono emersi durante esperimenti eseguiti per valutare l'effetto di diverse sostanze su cellule di tumore al seno con mutazioni di YAP, con lo scopo di bloccare l'azione della proteina. "I glucocorticoidi hanno un effetto opposto a quello sperato e riescono a riaccendere la proteina attivando le cellule staminali tumorali, responsabili dell'aggressività della malattia e della sua resistenza ai farmaci" spiegano i ricercatori. Il prossimo passo? Verificare l'effetto antitumorale di molecole che inibiscono i glucocorticoidi e capaci di bloccare l'azione di YAP.

Fonte: Nature Communications

Per saperne di più

 

I traguardi dei nostri ricercatori

Una selezione dei lavori pubblicati dai ricercatori AIRC sulle più importanti riviste scientifiche internazionali, dai meccanismi cellulari di base alla prevenzione e cura della malattia.
Scopri di più

Bloccare le staminali polmonari con SCD1

Uno studio pubblicato su Oncogene svela un nuovo meccanismo attraverso il quale le cellule staminali dei tumori polmonari si propagano. Coordinato da Rita Mancini dell'Università Sapienza di Roma, lo studio è stato condotto in collaborazione con l'Istituto tumori Regina Elena. "Da tempo il nostro laboratorio si occupa di un enzima chiamato SCD1. In questo lavoro, attraverso lo studio di cellule staminali tumorali di polmone isolate direttamente dai versamenti pleurici di alcuni pazienti, mettiamo in evidenza come SCD1 attivi due vie metaboliche note per la loro capacità di controllare la crescita cellulare a livello del nucleo". Grazie a questa scoperta, i ricercatori sperano di riuscire in futuro a interferire col meccanismo di propagazione tumorale sia nel polmone sia in altri tipi di tumori.

Fonte: Oncogene

Per saperne di più

 

Gestire il dolore diventa più semplice

Non serve sempre la morfina per controllare il dolore oncologico accessionale, quello che compare in forma acuta anche quando il dolore cronico è sotto controllo. Lo dimostrano i risultati di una ricerca pubblicata sul Journal of Clinical Oncology e condotta con il sostegno di AIRC da Augusto Caraceni, direttore della Struttura complessa di cure palliative, terapia del dolore e riabilitazione dell'Istituto nazionale tumori di Milano. "I pazienti con tumori in fase avanzata assumono farmaci oppioidi a lento rilascio, ma quando si presentano episodi di dolore acuto hanno bisogno di qualcosa che riesca a eliminare velocemente il sintomo" spiega Caraceni, ricordando che oggi la soluzione più comune è l'iniezione di morfina. Il nuovo studio ha però dimostrato che anche farmaci con formulazioni diverse, in particolare il fentanyl, disponibile sotto forma di compresse da sciogliere sotto la lingua, possono avere un ruolo importante. Anche se le compresse sublinguali sono risultate un po' meno efficaci della morfina, la ricerca ha per la prima volta quantificato in modo preciso le differenze tra i due farmaci.

Fonte: Journal of Clinical Oncology

Per saperne di più

 

Top

Ultimo aggiornamento giovedì 1 giugno 2017.

Redazione

Leggi anche

Guida terapie

guida terapie

Traguardi dei nostri ricercatori

I traguardi dei nostri ricercatori

Finanziamenti alla ricerca

bw-finanziamenti alla ricerca

5 X 1000 X AIRC

Cinque per 1000

Inserisci il codice fiscale di AIRC nello spazio destinato al 5X1000 della tua dichiarazione dei redditi e aiutaci a moltiplicare i risultati della ricerca.

Richiedi un sms promemoria con il codice fiscale!

 

Resta in contatto

TIENITI INFORMATO

UNA CORRETTA INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER PREVENIRE IL CANCRO.

X
Come da informativa sulla privacy acconsento al trattamento dei miei dati
Iscriviti alla newsletter