Per quali tumori sono già usate?

Di seguito alcuni esempi di patologie in cui le terapie mirate sono già in uso da molti anni, ma ce ne sono molte altre per cui nuove molecole continuano a essere approvate. L'elenco che segue è quindi necessariamente incompleto, ma solo indicativo di una realtà in grande fermento.

Leucemie e altri tumori del sangue

  • Alcune forme di leucemia in cui è presente un'anomalia detta cromosoma Philadelphia rispondono bene al trattamento con imatinib, un farmaco che riduce la proliferazione incontrollata delle cellule tumorali, e altri farmaci della stessa classe (inibitori della tirosin-chinasi).
  • Alcuni casi di mieloma multiplo rispondono al trattamento con bortezomib, un farmaco che stimola le cellule tumorali ad andare incontro a morte programmata, detta apoptosi, e altri farmaci della stessa classe (inibitori del proteasoma. Altri farmaci mirati che si stanno introducendo anche in Europa per questi casi sono panobinostat (inibitore dell'istone deacetilasi) e alcuni anticorpi monoclonali (come daratumumab ed elotuzumab).

Tumore al seno

  • Le terapie ormonali possono essere efficaci nel caso di cellule tumorali che esprimono recettori per gli ormoni femminili; la loro azione può essere potenziata da farmaci a bersaglio molecolare come palbociclib ed everolimus.
  • Alcune cellule tumorali che esprimono recettori per il fattore di crescita HER2 rispondono a trattamento con trastuzumab e pertuzumab, anticorpi monoclonali mirati contro questa molecola. Negli ultimi anni sono stati messi a punto anche i cosiddetti "anticorpi armati", come T-DM1 (ado-trastuzumab emtansine), che combina l'azione mirata di trastuzumab con quella della chemioterapia tradizionale. Altri farmaci quali il lapatinib  possono essere usati in questi casi;
  • Nelle forme avanzate della malattia possono essere utilizzati anche medicinali che bloccano la proliferazione dei nuovi vasi come bevacizumab.

Tumore alla prostata

  • Le terapie ormonali sono le più adatte per il tumore alla prostata, poiché la crescita è favorita dagli ormoni androgeni.
  • Per il trattamento di questa malattia in fase avanzata è stato approvato, per ora solo negli Stati Uniti, anche un vaccino terapeutico (sipuleucel-T) capace di attivare le risposte immunitarie dell'organismo contro il tumore, mentre un anticorpo monoclonale chiamato denosumab  può essere di aiuto quando la malattia si estende alle ossa.

Tumore al colon in fase avanzata

  • Alcune forme rispondono bene al trattamento con cetuximab e panitumumab, farmaci diretti contro il recettore per il fattore di crescita chiamato EGF-R.
  • Per altre forme si usa il bevacizumab, che blocca la formazione di nuovi vasi sanguigni, così come altri farmaci immessi più recentemente sul mercato (ramucirumab  e Ziv-aflibercept).
  • Un altro farmaco a bersaglio molecolare usato nelle forme avanzate del tumore del colon è regorafenib, della classe degli inibitori delle chinasi.

Altri tumori in fase avanzata

Tumore al polmone non a piccole cellule in fase avanzata

Negli ultimi anni la ricerca sulle caratteristiche molecolari dei tumori al polmone non a piccole cellule ha permesso di mettere a punto una lunga serie di farmaci mirati.

  • Alcuni, usati anche per altri tumori, bloccano la proliferazione dei vasi sanguigni (bevacizumab e ramucirumab).
  • Altri sono scelti in relazione alle caratteristiche molecolari e istologiche del tumore e consentono di personalizzare la terapia in molti casi di malattia avanzata (gefitinib, erlotinib e afatinib, osimertinib, necitumumab, crizotinib, ceritinib, alectinib).
  • Infine, in alcuni casi selezionati, si può ricorrere a farmaci che stimolano le difese dell'organismo contro il tumore (immunoterapia) (nivolumab e pembrolizumab).

Melanoma in fase avanzata

Nelle forme di melanoma avanzato con determinate caratteristiche molecolari si possono utilizzare alcuni farmaci a bersaglio molecolare (come vemurafenib, dabrafenib, trametinib, cobimetinib o altri).
In altri casi si sono rivelati utili l'immunoterapia (con ipilimumab o altri trattamenti, anche in via di sviluppo, che sembrano particolarmente promettenti per questa malattia), il vaccino contro la tubercolosi (BCG) o preparati a base di virus che attaccano il tumore (Talimogene laherparepvec).

Carcinoma renale in fase avanzata

Per il tumore del rene in fase avanzata sono oggi disponibili diversi trattamenti di tipo immunitario (immunoterapia) e farmaci a bersaglio molecolare di vario tipo (sorafenib, sunitinib, temsirolimus, everolimus, bevacizumab, pazopanib e axitinib).

Carcinoma dello stomaco in fase avanzata

Da diversi anni si è osservato che, in circa un caso su 5, anche le cellule del tumore allo stomaco, come quelle di alcuni tumori al seno, esprimono in quantità superiore alla norma, sulla loro superficie, la proteina HER: solo in questi casi, quando la malattia è in fase avanzata, si può utilizzare trastuzumab, da solo o in associazione alla chemioterapia tradizionale.
Un'altra opzione, che non è associata alle caratteristiche molecolari del tumore, ma è comunque riservata ai casi in cui falliscono altre terapie, è rappresentata da ramucirumab.

Altri tumori in fase avanzata

  • Epatocarcinoma: sorafenib.
  • Tumori a cellule squamose della testa e del collo: cetuximab.

 

Top

Leggi anche

Affrontare la malattia

Affrontare la malattia

Guida tumori

Guida tumori

Guida esami

guida esami

5 X 1000 X AIRC

Cinque per 1000

Inserisci il codice fiscale di AIRC nello spazio destinato al 5X1000 della tua dichiarazione dei redditi e aiutaci a moltiplicare i risultati della ricerca.

Richiedi un sms promemoria con il codice fiscale!

Disarmare i tumori

Piero Angela  ci guida alla scoperta delle dieci proprietà biologiche, comuni a ogni tipo di tumore, su cui la ricerca sta lavorando per migliorare la diagnosi, la prognosi e la cura dei tumori.

Guarda il video

Resta in contatto