Maligno

Termine che normalmente si associa a "tumore", indicando una cattiva prognosi della malattia, nel caso in cui non venga curata. In realtà la definizione di malignità si riferisce soprattutto alle caratteristiche delle cellule, che oltre a proliferare eccessivamente, come fanno anche quelle dei tumori benigni, appaiono morfologicamente e funzionalmente diverse dalle corrispondenti normali. I tumori maligni, a differenza di quelli benigni, hanno la peculiarità di infiltrare i tessuti limitrofi (invasività neoplastica) e di rilasciare cellule che attraverso il circolo sanguigno o linfatico possono riprodurre il tumore in altre parti del corpo, anche molto distanti (metastasi).

Stampa
Top