Farmaco biologico

Sono detti così alcuni medicinali prodotti mimando sostanze che l'organismo sarebbe in grado di produrre da sé: anticorpi (detti in questo caso monoclonali, perché rivolti contro un unico bersaglio), sostanze che mediano l'infiammazione e la risposta immunitaria (detti citochine, come interferoni e interleuchine) e fattori di crescita dei tessuti. I nuovi farmaci biologici sono oggi utilizzati in oncologia perché in grado di agire in modo molto selettivo sui meccanismi di regolazione delle cellule neoplastiche, per esempio bloccandone fattori che ne favoriscono la crescita, inibendo la formazione di vasi che portano al tumore il nutrimento e così via. Appartengono alla famiglia delle nuove terapie mirate.

Stampa
Top