Radiografia del tubo digerente

È un esame che possono fare tutti o ha controindicazioni?

La radiografia del tubo digerente viene usata per verificare la presenza di alterazioni a carico dell'esofago, dello stomaco e dell'intestino tenue ed è controindicata nei seguenti casi:

  • In gravidanza, specie nei primi mesi, per evitare che i raggi X abbiano un effetto dannoso sul feto. È pertanto opportuno eseguirlo soltanto se realmente necessario.
  • In caso di occlusione o perforazione gastrointestinale. Per effettuarlo, infatti, si utilizza un mezzo di contrasto a base di bario, una sostanza che non viene assorbita dall'organismo e dovrebbe quindi essere eliminata per via chirurgica qualora fuoriuscisse dal canale digerente attraverso una sua eventuale perforazione.
  • In pazienti che non possono stare in piedi o modificare la propria posizione da sdraiati, dal momento che è richiesta una loro piena collaborazione.
Top

Occorre qualche tipo di preparazione particolare all'esame?

Per liberare completamente il tubo digerente e consentire una sua corretta visualizzazione è opportuno non assumere cibo e limitare i liquidi per le otto ore che precedono l'esame. Inoltre, il paziente non deve indossare indumenti e oggetti metallici al momento dell'esecuzione dell'indagine poiché interferiscono con i raggi X.

Top

È meglio che mi faccia accompagnare da qualcuno o posso venire da solo? Potrò guidare la macchina per tornare a casa?

Non è necessario farsi accompagnare. L'esecuzione della radiografia del tubo digerente non incide né sull'autonomia né sulla capacità di guidare veicoli.

Top

L'esame è doloroso?

No, l'esame non è doloroso.

Top

Potrò avere altri tipi di disagio durante o dopo la sua esecuzione?

L'esame non comporta alcun disagio, anche se la sua esecuzione può essere molto articolata. Al paziente, posto sull'apparecchio radiografico, viene chiesto di bere il mezzo di contrasto e, spesso, di assumere un preparato che libera gas nello stomaco dilatandone le pareti e consentendo una migliore visualizzazione.

Durante lo svolgimento dell'esame vero e proprio, il paziente viene invitato a stare in piedi, sdraiarsi e girarsi per rendere possibile l'osservazione delle diverse porzioni del tubo digerente. Inoltre è necessario che il paziente rimanga immobile e in apnea negli istanti in cui vengono fissate sulle radiografie le immagini più significative.

Top

L'esame comporta dei rischi immediati?

Non c'è alcun rischio immediato connesso all'esecuzione della radiografia del tubo digerente.

Top

L'esame mi espone a radiazioni o ad altri rischi a lungo termine?

L'esame prevede l'utilizzo di raggi X, quindi è opportuno non abusarne.

Top

Quanto dura?

La durata della radiografia del tubo digerente è variabile ed è influenzata dalle condizioni e dalla collaborazione del paziente, dall'esperienza dell'operatore e dal tipo di apparecchio impiegato. Mediamente la durata oscilla tra i 10 e i 20 minuti.

Top

Alla fine posso andare subito a casa o devo restare in osservazione? Per quanto?

Nella maggior parte dei casi, terminato l'esame, al paziente viene chiesto di presentarsi nuovamente per eseguire un'ulteriore radiografia dell'addome dopo un intervallo di alcune ore. Un tempo necessario a fare in modo che il mezzo di contrasto raggiunga la parte più bassa dell'intestino.

Top

Posso riprendere subito la mia vita normale o devo avere particolari accortezze?

Non c'è nessun accorgimento da osservare dopo l'esame, anche se l'assunzione del mezzo di contrasto non permette di eseguire altre radiografie o TAC dell'addome nei 3-4 giorni successivi.
Il mezzo di contrasto, invece, viene eliminato spontaneamente nelle feci nei giorni che seguono l'esame.

Top

Le informazioni presenti in questa pagina non sostituiscono il parere del medico

Ultimo aggiornamento lunedì 28 gennaio 2013.

Agenzia Zadig

Articolo conforme ai principi HONCode

Leggi anche

Diagnosi precoce

Diagnosi precoce

Prevenzione per tutti

Prevenzione per tutti

Facciamo chiarezza

Facciamo chiarezza

(IN)CURABILE

Incurabile

Scopri in che direzione stanno lavorando i nostri ricercatori e quello che anche tu puoi fare per rendere il cancro sempre più curabile.

Vai al sito speciale

5 X 1000 X AIRC

Cinque per 1000

Inserisci il codice fiscale di AIRC nello spazio destinato al 5X1000 della tua dichiarazione dei redditi e aiutaci a moltiplicare i risultati della ricerca.

Richiedi un sms promemoria con il codice fiscale!

Resta in contatto