Come sosteniamo la ricerca

In oltre cinquant’anni di storia, AIRC ha affinato il metodo per selezionare i progetti più meritevoli di ricerca sul cancro. Tale metodo, utilizzato in tutto il mondo e chiamato peer review, affida la valutazione dei progetti a esperti di livello internazionale che non hanno conflitti di interesse.

Cosa finanziamo

Per trasformare i risultati di laboratorio in cure concrete AIRC sostiene programmi speciali e bandi appositi, favorendo i progetti con un probabile impatto sui pazienti. Uno dei nostri obiettivi è far crescere una nuova generazione di scienziati che si dedichino alla ricerca oncologica nel nostro Paese, sostenendo un percorso che prevede esperienze formative presso grandi istituti di ricerca, prima in Italia e poi all'estero, per confrontarsi con la migliore ricerca sul cancro nel mondo. La forza di questi investimenti sta anche nel creare condizioni per incoraggiare il rientro in Italia dei ricercatori, per esempio con borse di studio come le Marie Curie reintegration, i grant Start-Up e My First Airc Grant (MFAG). In questo modo le conoscenze acquisite all’estero possono essere messe a frutto nel nostro Paese.
Gli scienziati di maggior valore sono poi sostenuti attraverso programmi di respiro pluriennale, come gli Investigator Grant e i Programmi speciali, che offrono un sostegno sicuro e costante al lungo procedere che porta ai grandi risultati scientifici.

Una selezione rigorosa e per merito

Il Comitato tecnico scientifico (CTS) e i revisori internazionali coinvolti nella selezione dei progetti e delle borse hanno il compito di individuare i più promettenti e di valutarne nel tempo i risultati, offrendo così la possibilità di verificare e misurare al meglio la capacità di AIRC di impiegare i fondi. La valutazione dei progetti dura circa nove mesi, nel 2017 ha coinvolto 392 scienziati internazionali di un panel di più di 600 ricercatori e 28 membri del CTS. La selezione delle domande per le borse di studio in Italia è affidata a tre fra i membri del CTS, mentre per le borse per l’estero, a due membri del CTS e a un revisore internazionale. Per la selezione delle borse iCARE cofinanziate dall‘Unione Europea sono coinvolti due revisori internazionali e un membro del CTS. Tutte le fasi del processo di peer review sono gestite tramite una piattaforma web sviluppata appositamente, che garantisce efficienza all'intero processo.

AIRC seleziona i progetti di ricerca da finanziare attraverso diverse fasi:

come-sosteniamo