Un recettore bersaglio di una vaccinazione

Identificato un frammento di DNA che potrebbe indurre una protezione contro i tumori

Come funzionano i vaccini contro il tumore? Essenzialmente si tratta di riuscire a individuare alcune molecole particolari (gli antigeni), presenti sulla superficie delle cellule tumorali, e di fare in modo che la risposta del sistema immunitario venga indirizzata contro queste molecole.

Elisa Tagliani del Centro internazionale di ingegneria genetica e biotecnologia di Trieste, in collaborazione con un gruppo di ricerca internazionale, ha recentemente identificato un nuovo potenziale bersaglio per un vaccino antitumorale: un recettore, noto come CD36, presente sulla membrana di alcune cellule dendritiche.

Le cellule dendritiche, sulle quali si è focalizzato il lavoro di Tagliani e colleghi, sostenuto anche dal contributo AIRC, sono particolari cellule del sistema immunitario, tra le prime a intervenire per indurre una risposta all'invasione dell'organismo da parte di agenti esterni, quali per esempio virus e batteri, ma anche il tumore. Queste cellule non sono tutte uguali: sulla loro superficie possono essere presenti diverse molecole e proprio queste differenze determinano il tipo e l'efficacia della risposta immunitaria contro l'ente esterno.

Con una particolare tecnica che permette di osservare migliaia di molecole in una sola volta, il gruppo di ricercatori ha selezionato una molecola in grado di legarsi meglio delle altre al recettore CD36 inducendo così risposta protettiva a lungo termine contro il tumore. Un nuovo ruolo, dunque, per il recettore CD36 già noto per essere coinvolto in diversi fenomeni cellulari quali, per esempio, il metabolismo dei grassi.

Quanto emerso da questa ricerca costituisce un passo avanti verso la creazione di una efficace terapia anticancro basata sulla vaccinazione: nel modello sperimentale utilizzato, sfruttare CD36 sembra essere una valida strategia per indurre una risposta immunitaria senza la necessità di somministrare anche molecole che stimolino il sistema immunitario.

Ricerca pubblicata su:
J Immunol

Titolo originale:
Selection of an Antibody Library Identifies a Pathway to Induce Immunity by Targeting CD36 on Steady-State CD8{alpha}+ Dendritic Cells.

Data Pubblicazione:
03/2008

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto