Pancreas, come bloccare la strada al tumore

Una proteina è alla base della capacità delle cellule tumorali pancreatiche di viaggiare lungo i nervi per dare metastasi. Bloccarla è una strategia utile anche a contenere il dolore

Un gruppo di ricercatori della Fondazione Humanitas di Rozzano, poco distante da Milano, ha scoperto il meccanismo molecolare attraverso il quale le cellule del carcinoma del pancreas riescono a diffondersi lungo i nervi.
Questo tipo di tumore rappresenta la quarta causa di morte per cancro nei Paesi occidentali e ancora oggi risulta difficile da debellare completamente a causa della sua resistenza ai trattamenti e della sua aggressività. Anche per il tumore del pancreas, uno dei principali ostacoli alla guarigione è rappresentato dalle metastasi: curare il cancro sarebbe infatti molto più semplice se le cellule malate non fossero in grado di diffondersi nell'organismo e attaccare altri organi.

Una delle vie che i tumori, in particolare quello del pancreas, utilizzano per raggiungere nuovi organi sono proprio i nervi: una sorta di autostrada che le cellule tumorali percorrono fino alla sede definitiva dove daranno infine origine a metastasi.

Il lavoro dei ricercatori milanesi guidati da Paola Allavena e Alberto Mantovani, pubblicato sulla rivista Cancer Research, ha dimostrato che nelle cellule dell'adenocarcinoma duttale del pancreas è presente una proteina chiamata CX3CR1, non espressa nelle cellule di pancreas sane.

Ma qual'è il ruolo di questa molecola? CX3CR1 è un recettore che si lega a una proteina nota come CX3CL1 presente solo sulla membrana dei neuroni e delle fibre nervose. Ecco perché il tumore del pancreas si muove lungo i nervi e non lungo altre vie per generare metastasi.

Questa scoperta, ottenuta anche grazie al contributo di AIRC, permetterà di mettere a punto nuove terapie che abbiano come bersaglio proprio CX3CR1, uno dei responsabili del comportamento maligno e aggressivo delle cellule tumorali del pancreas. Inoltre, dal momento che il coinvolgmento dei nervi sembra avere un ruolo anche nell'origine del dolore spesso associato a questa malattia, interrompere il dialogo di CX3CR1 con CX3CL1 apre nuove vie alla terapia del dolore.

Ricerca pubblicata su:
Cancer Res.

Titolo originale:
The chemokine receptor CX3CR1 is involved in the neural tropism and malignant behavior of pancreatic ductal adenocarcinoma.

Data Pubblicazione:
11/2008

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto