Nuova luce sui meccanismi responsabili delle metastasi

Scoperti due "interruttori" che orientano il destino delle cellule

Le cellule delle metastasi sono in grado di "decidere" quale forma assumere per potersi muovere meglio e invadere i tessuti circostanti. Grazie anche all'utilizzo di innovative tecniche sperimentali, presenti solo in pochi centri di ricerca europei, i ricercatori dell'IFOM (Istituto FIRC di oncologia molecolare) di Milano sono riusciti a individuare uno degli "interruttori molecolari" coinvolti proprio in questo processo.

Si tratta di un complesso formato da RAB5 e RAC, due proteine già note per essere coinvolte nell'endocitosi (fenomeno che permette alla cellula di introdurre al proprio interno particolari molecole) e nel rimodellamento dei filamenti actina (una sorta di scheletro della cellula).

La ricerca è stata portata a termine, grazie anche al contributo di AIRC, dai gruppi di Pier Paolo Di Fiore e Giorgio Scita e recentemente pubblicata sulla rivista Cell. I risultati ottenuti aprono nuove vie per la scoperta di trattamenti per bloccare la diffusione delle metastasi. Attualmente le strategie per contrastare le metastasi sono infatti incentrate sulle metallo-proteasi, molecole in grado di preparare la strada alle cellule del tumore e aprire loro degli spazi dove potersi insediare o per raggiungere le sedi delle metastasi. Non tutto dipende però dalle metallo-proteasi: in caso di necessità le cellule del tumore sono anche in grado di modificare la propria forma e adattarsi a percorsi più difficili e stretti pur di colonizzare altri tessuti.

E proprio da queste osservazioni deriva l'importanza del lavoro dei ricercatori dell'IFOM. "Le due molecole possono rappresentare importanti bersagli per nuove terapie" spiegano gli autori "Agendo sul complesso RAB5-RAC con tecniche di genetica molecolare è infatti possibile cambiare la modalità di migrazione delle cellule delle metastasi".

Il prossimo passo consiste nell'identificazione di sostanze capaci di modificare l'attività di RAB5-RAC con lo scopo finale di impedire alla cellula tumorale di migrare, colonizzare altri organi e dare origine a metastasi.

Ricerca pubblicata su:
Cell

Titolo originale:
Endocytic trafficking of Rac is required for the spatial restriction of signaling in cell migration

Data Pubblicazione:
07/2008

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto