Mangiare bene per proteggere bocca e gola

Arriva da un gruppo di ricercatori lombardi l'ennesima conferma dell'importanza dell'alimentazione nella prevenzione dei tumori, anche quelli di bocca e faringe

"Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo". Lo diceva nel quinto secolo avanti Cristo il medico greco Ippocrate, considerato il padre della medicina moderna, convinto della grande influenza dei cibi che mangiamo sul nostro stato di salute.
Anche i medici di oggi sono d'accordo con il loro antico maestro nel sostenere l'importanza dell'alimentazione: la dieta sana ed equilibrata è infatti considerata uno dei pilastri della prevenzione non solo in campo cardiovascolare, ma anche in campo oncologico.

A dimostrazione di ciò, un gruppo di ricercatori italiani sostenuti da fondi AIRC e coordinati da Carlo La Vecchia, ha chiarito che anche il rischio di sviluppare tumori della bocca e della faringe si modifica a seconda del tipo di dieta che si segue. Quando si parla di cibo e cancro, in genere si pensa ai tumori di stomaco, intestino e colon retto, ma non bisogna dimenticare che il cibo per raggiungere lo stomaco passa per bocca e faringe dove si possono originare tumori. Sicuramente il tabacco e l'alcol sono i due fattori di rischio più importanti e nei Paesi sviluppati sono responsabili di oltre l'80 per cento di questi tumori, che sono più diffusi di quanto si crede: ogni anno in Italia vengono diagnosticati 4.500 nuovi casi di tumore della bocca, quasi sempre in fumatori, e circa 6.000 casi di tumore della faringe.

Ma se anche l'alimentazione ha un ruolo importante in queste patologie, quali sono i cibi che aiutano a prevenirle? Secondo i dati recentemente pubblicati da Garavello e colleghi, per tenere lontano il cancro da bocca e faringe è importante mangiare molta frutta e verdura. Sono indicate soprattutto le verdure crude e a foglia verde, i pomodori, le carote e gli agrumi, alimenti ricchi di carotenoidi, vitamina C ed E, flavonoidi, polifenoli e fibre che hanno effetti anti ossidanti e aiutano a eliminare le sostanze cancerogene nell'intestino.

Fanno bene anche i cereali integrali, mentre bisogna fare più attenzione a quelli raffinati. Per quanto riguarda i cibi ricchi di proteine (carne, uova, pesce eccetera) i dati disponibili non permettono di arrivare a un giudizio definitivo: si pensa che non ci sia un legame troppo stretto tra questi cibi e i tumori di bocca e faringe, ma gli esperti consigliano comunque di limitare il consumo di carne, specialmente se grigliata o molto cotta, e di preferire eventualmente una bella cena a base di pesce. Via libera anche al caffè (e al tè) per chiudere il pasto secondo la migliore tradizione italiana. "In linea generale, in Italia, il 20-25 per cento di questi tumori dipende da una alimentazione povera di frutta e verdura" spiegano gli autori "e il rischio si impenna se a una dieta sbilanciata si aggiungono alcol e fumo". Per garantire la salute di bocca e faringe, dunque, stop ad alcol e sigarette, ma attenzione anche a ciò che si mangia.

Ricerca pubblicata su:
Minerva Stomatologica

Titolo originale:
The role of foods and nutrients on oral and pharyngeal cancer risk.

Data Pubblicazione:
02/2009

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto