Leucemia a cellule capellute: dal laboratorio al letto del malato il passo è breve

La scoperta dell'anomalia genetica all'origine della tricoleucemia ha consentito in soli cinque anni di mettere a punto regimi terapeutici potenzialmente in grado di curare la malattia. 

Passare in soli cinque anni dall'essere un oggetto quasi misterioso a diventare una malattia di cui si conosce con precisione la causa molecolare e per cui si è vicini a mettere a punto una terapia risolutiva.

È successo con la leucemia a cellule capellute (o tricoleucemia), una rara forma di leucemia cronica che colpisce i linfociti B e che deve il suo nome alle estroflessioni simili a capelli presenti sulla superficie delle cellule tumorali.

"Tra il 2010 e il 2011 siamo riusciti a capire che era sufficiente una specifica mutazione del gene BRAF a causare la malattia", spiega Enrico Tiacci, ematologo e professore all'Università di Perugia, autore di questa scoperta insieme a Brunangelo Falini (il direttore dell'Istituto di ematologia a Perugia). "Era un'ottima notizia: non soltanto perché finalmente si comprendeva da cosa ha origine la malattia, ma anche perché abbiamo capito che la leucemia a cellule capellute è una patologia geneticamente semplice e quindi più facile da colpire", dice ancora Tiacci, che è anche il primo firmatario di un articolo che sulle pagine del Journal of Clinical Oncology ripercorre i passi di questa ricerca che è stata in gran parte sostenuta da AIRC.

La mutazione identificata dai ricercatori è già nota per essere legata all'insorgenza del melanoma e contro di essa è stato sviluppato un farmaco (il vemurafenib). Il gruppo decide così di sperimentarlo in 26 pazienti con leucemia a cellule capellute che non rispondevano più alle terapie convenzionali.

"La tricoleucemia risponde bene alla chemioterapia, ma in circa la metà dei pazienti tende a recidivare più volte e la chemioterapia perde progressivamente di efficacia", spiega l'ematologo.

Nelle sperimentazioni cliniche effettuate con vemurafenib, invece, 25 dei 26 pazienti trattati hanno risposto alla terapia e in quasi il 40 per cento dei casi si è osservata una remissione completa.

Ora i ricercatori stanno lavorando a un approccio combinato che aumenti ulteriormente i tassi di remissione: "Stiamo sperimentando l'utilizzo di vemurafenib insieme a un farmaco già disponibile, il rituximab, che agisce rinforzando la risposta del sistema immunitario" illustra il ricercatore. "I primi dati sono incoraggianti: in tutti i pazienti dopo poche settimane di trattamento si raggiunge la remissione completa e in alcuni non si riscontrano più tracce della malattia. Ma soltanto un lungo follow up potrà dirci se il trattamento riesce effettivamente a debellare del tutto le cellule tumorali".

 

 

 

Ricerca pubblicata su:
Journal of Clinical Oncology

Titolo originale:
Genomics of Hairy Cell Leukemia

Data Pubblicazione:
03/2017

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

5 X 1000 X AIRC

Cinque per 1000

Inserisci il codice fiscale di AIRC nello spazio destinato al 5X1000 della tua dichiarazione dei redditi e aiutaci a moltiplicare i risultati della ricerca.

Richiedi un sms promemoria con il codice fiscale!

 

Disarmare i tumori

Piero Angela  ci guida alla scoperta delle dieci proprietà biologiche, comuni a ogni tipo di tumore, su cui la ricerca sta lavorando per migliorare la diagnosi, la prognosi e la cura dei tumori.

Guarda il video

Resta in contatto

TIENITI INFORMATO

UNA CORRETTA INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER PREVENIRE IL CANCRO.

X
Come da informativa sulla privacy acconsento al trattamento dei miei dati
Iscriviti alla newsletter