La piccola molecola che dà il via alle metastasi del melanoma

La disseminazione del tumore dipende da un meccanismo innescato da un microRNA

Non serve una grande massa: a mandare in tutto il corpo pericolose metastasi basta una macchietta sulla pelle dai bordi irregolari, che aumenta rapidamente di dimensioni cambiando forma e colore. Oggi si è scoperto che, anche a livello cellulare, a coordinare la progressione della malattia è una piccola molecola, una di quelle brevi sequenze di RNA, detti microRNA, che si sono rivelati cruciali per la regolazione di numerose attività delle cellule, e su cui si sta concentrando l'attenzione di molti ricercatori. A questo risultato è giunto un gruppo di ricerca tutto al femminile, finanziato da AIRC e coordinato da Daniela Taverna, dell'Università di Torino.

«Si era già osservato che nelle cellule di melanoma avanzato uno di questi microRNA, chiamato miR-214, era presente in quantità superiori alla norma. E lo stesso si poteva dire di ALCAM, una proteina della famiglia delle immunoglobuline, già coinvolta nell'evoluzione di questa malattia» spiega la ricercatrice piemontese. Lo studio delle ricercatrici italiane, pubblicato sulla rivista Cancer Research, ha dimostrato che questi fenomeni sono collegati. Infatti miR-214 orchestra la disseminazione metastatica proprio aumentando i livelli di ALCAM: «Bloccando ALCAM abbiamo infatti ridotto la migrazione e l'invasione delle cellule tumorali nei tessuti circostanti, così come la formazione di metastasi in modelli di laboratorio» spiega Taverna. «Abbiamo ottenuto lo stesso risultato modificando i livelli di altre molecole che sono a loro volta regolate da miR-214 e sono implicate nello stesso meccanismo».
Insomma, si comincia a capire come il melanoma riesca a formare metastasi e le possibili strategie per fermarlo: due passi indispensabili per trovare il modo di prevenire la disseminazione metastatica nei pazienti.

Ricerca pubblicata su:
Cancer Research

Titolo originale:
miR-214 coordinates melanoma progression by upregulating ALCAM through TFAP2 and miR-148b downmodulation.

Data Pubblicazione:
07/2013

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto