Un esame del sangue per conoscere il tumore al polmone

I livelli di DNA libero circolante aumentano nei malati, ma solo nelle fasi avanzate della malattia. Il test dà però informazioni importanti per la prognosi

Uno dei principali obiettivi dei ricercatori che si occupano di oncologia è quello di individuare molecole che permettano di arrivare a una diagnosi molto precoce del tumore (chiamate anche marcatori tumorali) e di aumentare quindi le possibilità di curarlo in maniera definitiva. In quest'ottica un gruppo di ricercatori dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano ha condotto uno studio per valutare le potenzialità del test che misura i cosiddetti livelli di DNA libero circolante nella diagnosi precoce del tumore al polmone.

In base ai dati di precedenti lavori è noto infatti che i livelli di DNA del gene hTERT sono otto volte superiori nel sangue dei pazienti con tumore al polmone rispetto a quelli osservati nelle persone sane. Si tratta di capire se la misurazione di questo DNA, che comporta per il paziente solo un prelievo di sangue, possa dare informazioni utili alla diagnosi precoce.

Infatti l'innalzamento dei livelli potrebbe avvenire sin dalle prime fasi della malattia, quando ancora il tumore è localizzato e magari non può essere individuato dai classici esami diagnostici come radiografia, TC o PET. Oppure il valore misurato potrebbe rendere più precise le informazioni che si ottengono dalla diagnostica per immagini tradizionale.

Per valutare tutte queste ipotesi, Gabriella Sozzi e il suo gruppo hanno misurato i livelli di DNA plasmatici di hTERT in oltre 1.000 volontari sopra i 50 anni e forti fumatori che sono anche stati sottoposti a TC spirale.

I dati emersi dallo studio, finanziato anche da AIRC, hanno rivelato che il rilascio di DNA plasmatico è un evento tardivo nel tumore al polmone: i livelli iniziali sono risultati infatti simili in tutti i partecipanti allo studio, indipendentemente dal successivo sviluppo di malattia.

Se non darà una mano alla diagnosi precoce, il test sarà però utile per identificare i tumori che mostrano una crescita più veloce e sembra essere importante per valutare la prognosi finale. Il passo successivo della ricerca consiste nel chiarire se i livelli di DNA circolante possono fornire una misura della capacità del tumore al polmone di generare metastasi.

Ricerca pubblicata su:
Am J Respir Crit Care Med

Titolo originale:
Plasma DNA Quantification in Lung Cancer CT Screening: 5-years Results of a Prospective Study.

Data Pubblicazione:
09/2008

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto