Curare il cancro con il sistema immunitario

Le infiammazioni lievi e prolungate stimolano la crescita del tumore, mentre quelle intense potrebbero dare una mano a sconfiggerlo

"L'infiammazione promuove i processi di formazione del cancro e di crescita del tumore" si legge in alcuni lavori scientifici. Altri studi però si muovono nella direzione opposta e sostengono: "L'infiammazione è in grado di innescare meccanismi che possono attaccare e distruggere il tumore". Quale delle due affermazioni è corretta? Come spiega Alberto Mantovani, professore di Patologia Generale dell'Università degli Studi di Milano e direttore scientifico dell'Istituto Clinico Humanitas in una recente revisione pubblicata sulla rivista Lancet, in realtà lo sono entrambe.

L'intensità e la natura del fenomeno infiammatorio possono infatti fornire una spiegazione, almeno parziale, a questa apparente contraddizione. L'infiammazione "amica" del tumore è in genere di intensità moderata, simile a quella che si riscontra in alcune malattie autoimmuni e nelle infezioni croniche. Le sostanze prodotte in questi processi infiammatori, per esempio fattori di crescita o fattori che stimolano la riparazione dei tessuti, favoriscono anche la crescita e la sopravvivenza delle cellule tumorali. Se l'infiammazione assume invece caratteristiche simili a quelle che si riscontrano nelle forme acute, scatenate per esempio da alcuni virus o batteri, il sistema immunitario attacca e cerca di eliminare il tumore. C'è però un problema.

La reazione aggressiva del sistema immunitario di fronte a un organismo estraneo è legata al riconoscimento di alcuni precisi "segnali di pericolo" che arrivano dall'ospite indesiderato, ma le cellule tumorali non presentano tali segnali e, di conseguenza, non riescono a indurre una risposta immunitaria sufficientemente forte. Per superare l'ostacolo sono state messe a punto in laboratorio, anche grazie a finanziamenti di AIRC, molecole in grado di simulare l'infezione da parte di un microrganismo e di innescare specifici segnali all'interno del tessuto tumorale e del microambiente che circonda il tumore. Spostare l'equilibrio verso una risposta infiammatoria acuta, con questa o altre strategie, potrebbe infatti essere la chiave per una terapia dei tumori che sfrutti il sistema immunitario estremamente efficace e in grado di eradicare il cancro.

Ricerca pubblicata su:
Lancet Oncology

Titolo originale:
Tumor immunity: effector response to tumour and role of the microenvirinment

Data Pubblicazione:
02/2008

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Resta in contatto