Carcinoma del colon-retto: parte da Napoli una nuova fase della medicina personalizzata

Oggi è possibile ottenere la fotografia molecolare del tumore attraverso un metodo di sequenziamento di nuova generazione

Il tumore del colon-retto è molto complesso dal punto di vista molecolare. Gli studi clinici condotti finora si sono concentrati sull'analisi di un numero limitato di marcatori molecolari, mettendo a punto alcune cure personalizzate, ma il potenziale terapeutico è più ampio: questo è stato recentemente dimostrato da due ricercatori napoletani sostenuti da AIRC fin dall'inizio della loro carriera.

Si tratta di Fortunato Ciardiello della Seconda Università di Napoli e di Nicola Normanno dell'Istituto tumori Fondazione Pascale di Napoli e del Centro ricerche oncologiche di Mercogliano (CROM): insieme, Ciardiello e Normanno hanno cercato di caratterizzare il carcinoma del colon-retto dal punto di vista molecolare con un approccio innovativo. I risultati dello studio, che si chiama CAPRI, sono stati pubblicati sulla rivista Annals of Oncology.

"La novità dello studio" ha affermato Normanno "è che i tumori del colon-retto sono stati esaminati in laboratorio con un metodo di sequenziamento di nuova generazione, che consente di analizzare oltre 500 mutazioni in 22 geni con una singola analisi. In pratica - ha chiarito Normanno - questo metodo è in grado di fornire una completa fotografia molecolare del tumore, consentendo di definire meglio la prognosi dei pazienti e la loro probabilità di rispondere alla terapia".

Avviato nel 2009, lo studio CAPRI ha arruolato 340 pazienti con carcinoma del colon-retto metastatico e ha visto la partecipazione di 25 centri di oncologia nell'ambito del Gruppo Oncologico dell'Italia Meridionale (GOIM). "Abbiamo dato vita a uno studio ampio» ha raccontato Ciardiello «per valutare l'efficacia del trattamento con la chemioterapia convenzionale in abbinamento a un farmaco a bersaglio molecolare, cioè diretto contro la proteina EGFR, importante per la crescita tumorale".

I ricercatori hanno dimostrato che i pazienti che si sono avvantaggiati del trattamento con farmaci anti EGFR non presentavano mutazioni nei due geni KRAS e NRAS, confermando l'ipotesi che le mutazioni di questi due geni producono resistenza ai farmaci anti-EGFR. La classificazione molecolare dei carcinomi del colon-retto tramite il sequenziamento di nuova generazione permette quindi di offrire a ogni paziente la migliore terapia.

Ha concluso Normanno: "La conoscenza delle alterazioni molecolari di ogni singolo tumore consente non solo di selezionare meglio i pazienti da trattare con i farmaci ora disponibili nella pratica clinica, ma anche di identificare casi che potrebbero beneficiare di nuovi agenti farmacologi attualmente in fase di sperimentazione".

Ricerca pubblicata su:
Annals of Oncology

Titolo originale:
Clinical activity of FOLFIRI plus cetuximab according to extended gene mutation status by next generation sequencing: findings from the CAPRI-GOIM trial

Data Pubblicazione:
06/2014

Top

Leggi anche

Sosteniamo la ricerca

Sosteniamo la ricerca

Scopri la ricerca

Scopri la ricerca

Diffondiamo l'informazione scientifica

Diffondiamo informazione

Disarmare i tumori

Piero Angela  ci guida alla scoperta delle dieci proprietà biologiche, comuni a ogni tipo di tumore, su cui la ricerca sta lavorando per migliorare la diagnosi, la prognosi e la cura dei tumori.

Guarda il video

Resta in contatto

TIENITI INFORMATO

UNA CORRETTA INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER PREVENIRE IL CANCRO.

X
Come da informativa sulla privacy acconsento al trattamento dei miei dati
Iscriviti alla newsletter