Progressi della ricerca AIRC

Una selezione dei risultati pubblicati negli ultimi mesi dai ricercatori finanziati da AIRC sulle riviste scientifiche internazionali.

Progressi ottobre 2015

Un MITO per il cancro all'ovaio

Il gruppo MITO, coordinato da Sandro Pignata e Francesco Perrone all'Istituto tumori Fondazione Pascale di Napoli, include oltre 60 centri italiani dedicati allo studio dei tumori dell'apparato ginecologico. Sono loro a condurre lo studio MITO11 che ha coinvolto 70 donne con tumori dell'ovaio che non rispondevano alla chemioterapia standard o che sviluppavano resistenza ai farmaci. I risultati sono stati pubblicati su Lancet Oncology e dimostrano che l'aggiunta di un farmaco chiamato pazopanib al trattamento standard con paclitaxel aumenta in maniera statisticamente significativa il tempo che intercorre prima che la malattia ricominci a progredire. Come ci si poteva aspettare, la combinazione dei due farmaci è risultata più tossica, ma nel complesso gli effetti collaterali osservati sono gestibili. Questo primo risultato non basta ancora per autorizzare l'uso del pazopanib nella pratica clinica, ma rappresenta una solida base per programmare ulteriori studi in un maggior numero di donne.

Fonte: Lancet Oncology

Per saperne di più

 

Una palestra molecolare

I tumori, anche quando colpiscono lo stesso organo, possono contenere diverse mutazioni del DNA. Ed è questa la ragione per cui un farmaco efficace in un paziente può essere inefficace in un altro. Un gruppo di ricercatori dell'Università di Torino, coordinato da Alberto Bardelli, Federica Di Nicolantonio ed Enzo Medico, ha condotto una ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Communications, coltivando in vitro cellule di tumori del colon prelevate da oltre 150 pazienti e caratterizzandone i difetti genetici. In questa raccolta di campioni è riassunta la varietà molecolare osservata nei tumori intestinali: si tratta quindi di un'efficace palestra sperimentale per testare nuovi approcci di terapia personalizzata. A riprova di ciò, i ricercatori hanno scoperto un caso in cui le cellule tumorali presentavano concentrazioni elevate di una proteina, chiamata ALK, contro la quale è già disponibile un farmaco efficace nei tumori polmonari. Con lo stesso approccio hanno poi identificato altre sei proteine-bersaglio, presenti a concentrazioni anomale in una piccola parte dei casi e contro le quali è possibile mettere a punto dei farmaci specifici o utilizzare quelli già esistenti.

Fonte: Nature Communications

Per saperne di più

 

falini-griffuelPremio Griffuel per Brunangelo Falini

La Fondation Arc pour la Recherche sul le Cancer, prima fondazione francese interamente dedicata alla ricerca sul cancro, ha assegnato a Brunangelo Falini, direttore della Struttura complessa di ematologia e trapianto di midollo osseo dell'ospedale S. Maria Misericordia di Perugia, il Premio Leopold Griffuel per la ricerca traslazionale. Un prestigioso riconoscimento internazionale che, nel caso di Falini, è legato alla scoperta di due lesioni genetiche, due mutazioni che sono la causa della leucemia mieloide acuta e della leucemia a cellule capellute. L'importanza di questa ricerca di base, in gran parte finanziata da AIRC, sia attraverso progetti ordinari sia con un fondo del Programma 5 per mille, è dimostrata dal fatto che è già arrivata in clinica migliorando la diagnosi e la terapia dei pazienti. Falini, nel 2014, era stato insignito anche del Premio Guido Venosta consegnato dal Presidente della Repubblica nel corso della cerimonia dei Giorni della Ricerca promossa da AIRC.

 

Top

Ultimo aggiornamento giovedì 1 ottobre 2015.

Redazione

Leggi anche

Guida terapie

guida terapie

Traguardi dei nostri ricercatori

I traguardi dei nostri ricercatori

Finanziamenti alla ricerca

bw-finanziamenti alla ricerca

5 X 1000 X AIRC

Cinque per 1000

Inserisci il codice fiscale di AIRC nello spazio destinato al 5X1000 della tua dichiarazione dei redditi e aiutaci a moltiplicare i risultati della ricerca.

Richiedi un sms promemoria con il codice fiscale!

 

Resta in contatto

TIENITI INFORMATO

UNA CORRETTA INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER PREVENIRE IL CANCRO.

X
Come da informativa sulla privacy acconsento al trattamento dei miei dati
Iscriviti alla newsletter