La libertà e il diritto di sentirsi furiosi

Per molti pazienti (e familiari) la rabbia è un sentimento inadatto a un malato di cancro. Invece è normale provarla e può persino essere utile se si impara a incanalarla e trasformarla in energia positiva e forza di lottare.

rabbia

Prima o poi, la rabbia monta. Può arrivare in modi diversi, in tempi diversi, ma quando ci si trova a fare i conti con un tumore per molti è quasi inevitabile sentirsi arrabbiati. Arrabbiati con il mondo, con se stessi, con la famiglia e con i curanti. È un sentimento naturale, soprattutto quando ci si sente particolarmente vulnerabili, ed è naturale che in certi momenti prenda il sopravvento. Alcune volte, può trattarsi anche dell'effetto di uno dei farmaci prescritti.

"Molto spesso, nel mio lavoro con malati di cancro, ho dovuto affrontare la rabbia dei pazienti e sembra che moltissimi di loro si sentano in colpa, o che non sappiano gestire questo sentimento" spiega Sheryl Ness, infermiera esperta nel sostegno psicologico dei pazienti oncologici alla Mayo Clinic di Rochester, nel Minnesota. "È normale provare un'emozione come la rabbia quando si ha a che fare con la diagnosi, le terapie e la vita dopo le terapie. Il cancro è una grande interruzione della vita: un'inattesa e indesiderata interruzione per chiunque".

Alcuni consigli da tenere a mente

La gestione di un'emozione forte come la rabbia può non essere facile, soprattutto per chi, per carattere, prima della malattia non era solito provarla. E non è facile affrontare la natura riprovazione, o gli affettuosi rimbrotti di amici e familiari quando un sentimento così violento riesce a manifestarsi all'esterno. C'è chi cerca di minimizzare, chi addirittura fferma che "la rabbia peggiora il cancro", contribuendo ad accrescere il senso di colpa del malato che non ha modo di controllare l'origine di questo sentimento.

È bene anche ricordare che la naturale tendenza a minimizzare e a nascondere la rabbia non ha nulla a che vedere con le cause del cancro, come alcune teorie pseudoscientifiche affermano, ma spesso può incidere significativamente sulla qualità della vita dei malati e di chi li assiste quotidianamente.

Anche i familiari - che possono essere bersaglio della rabbia e del tourbillon di emozioni insolitamente violente che spesso la accompagnano, dallo shock al senso di colpa, dalla paura alla tristezza, fino alla depressione - sono infatti spesso in profonda difficoltà e sono preda a loro volta di emozioni analoghe, ancora più difficili da gestire.

In questi casi possono essere molto utili le raccomandazioni elaborate dalla task force della Mayo Clinic: "Provare rabbia è normale, e quindi non bisogna soffocarla; meglio imparare a riconoscerla quando la si esprime piuttosto che tenerla dentro di sé" suggerisce Ness. "Semmai può essere utile provare a indirizzarla verso qualcosa di positivo, attivo e creativo: scrivere, fare attività fisica, dipingere, lavorare a maglia. Ogni soluzione è buona se permette di convogliare l'energia della rabbia verso un'altra attività. Se si riesce a spiegare a familiari e persone amate che si sta provando rabbia, e si sta cercando un modo per sfogarla, anche loro possono contribuire a ideare una soluzione creativa. Anche la partecipazione alle attività di gruppi di supporto di malati può essere utile".

Esplorarne le radici

"Io suggerisco di suddividere la rabbia nei suoi diversi elementi, un'attività che in psicologia si chiama compartimentalizzare" spiega Midge Myhre, esperta dell'M.D. Anderson Cancer Center di Houston. "Innanzitutto occorre domandarsi cos'è che ci fa arrabbiare: la malattia in sé o qualche elemento specifico, come il dolore o la difficoltà di lavorare? L'atteggiamento dei medici o quello dei familiari? Poi è utile individuare tre strategie con un diverso orizzonte temporale: che cosa posso fare per migliorare un po' le cose, nell'arco della giornata di oggi? Che cosa nel corso della settimana? Che cosa nel prossimo mese? Occorre porsi obiettivi semplici e rimanere concentrati su di essi, così da non lasciare che la rabbia prenda il sopravvento". L'identificazione dell'origine permette molte volte di trovare una soluzione concreta al problema: per esempio, una situazione dolorosa è certamente fonte di rabbia, ma un buon terapista del dolore può porvi rimedio. Un compagno o una compagna iperprotettivi o, al contrario, assenti, possono generare frustrazione, ma con l'aiuto di uno psicologo è possibile affrontare la questione a viso aperto e trovare un compromesso accettabile.

Gli esperti utilizzano inoltre la mindfulness (una forma di meditazione), lo yoga e altre tecniche per combattere lo stress. È importante non fermarsi a una tecnica sola, specie se non funziona del tutto: rabbia e stress possono essere per alcune persone sentimenti nuovi e intensi e non si può prevedere con certezza che cosa apporterà benefici.

Trasformare la rabbia in energia

L'Associazione americana di oncologia medica (ASCO) ha raccolto di recente una serie di suggerimenti pratici per provare a usare gli sfoghi di rabbia in chiave positiva, continuando a sperimentare nuovi modi finché non si trova quello più adatto ed efficace, caso per caso.

  • Prendi coscienza della tua rabbia: alle volte ci si lascia trasportare dalla rabbia prima di aver realizzato completamente i sentimenti e le emozioni che l'hanno provocata.
  • Evita di indirizzarla sugli altri: è meglio convogliare la propria rabbia verso ciò che la causa, piuttosto ce su altre persone.
  • Non lasciare che mascheri altri sentimenti: ogni tanto la rabbia viene usata, in modo più o meno consapevole, per nascondere sentimenti dolorosi e difficili da esprimere, come tristezza e senso di disperazione.
  • Non aspettare che diventi ingestibile: se si esprime subito questa emozione, appena la si riconosce, si può evitare che continui a covare, e che finisca per essere espressa in un modo negativo.
  • Cerca una maniera salutare per esprimere la tua rabbia;ci sono vari modi, tra cui:
    • discutere le ragioni della rabbia con un familiare o con un amico di cui si ha fiducia;
    • dedicarsi a un'attività fisica quando la rabbia raggiunge il culmine;
    • sfogarsi picchiando un cuscino con i pugni o con una mazza di plastica;
    • urlare a pieni polmoni chiusi in automobile, o in una stanza privata;
    • sperimentare le terapie di rilassamento, i massaggi, la musicoterapia o l'arte-terapia.
  • Prendi in considerazione l'idea di un sostegno professionale: se la rabbia continua a essere difficile da gestire, può essere utile avviare una sessione di sostegno individuale o di gruppo, per individuare, con l'aiuto di un professionista, quali sono i fattori scatenanti della rabbia, imparare a evitare le risposte di tipo distruttivo e scoprire come esprimere il proprio malessere in modo salutare.

"Quando viene espressa in modo sano, positivo, la rabbia può aiutare a cambiare le cose in meglio" spiegano gli esperti dell'ASCO. "Per esempio, la rabbia verso il cancro può dare a una persona l'energia e la forza necessarie a superare i momenti difficili della terapia."

Top

Ultimo aggiornamento domenica 1 gennaio 2017.

Fabio Turone

Leggi anche

Guida terapie

guida terapie

Traguardi dei nostri ricercatori

I traguardi dei nostri ricercatori

Finanziamenti alla ricerca

bw-finanziamenti alla ricerca

5 X 1000 X AIRC

Cinque per 1000

Inserisci il codice fiscale di AIRC nello spazio destinato al 5X1000 della tua dichiarazione dei redditi e aiutaci a moltiplicare i risultati della ricerca.

Richiedi un sms promemoria con il codice fiscale!

 

Resta in contatto

TIENITI INFORMATO

UNA CORRETTA INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER PREVENIRE IL CANCRO.

X
Come da informativa sulla privacy acconsento al trattamento dei miei dati
Iscriviti alla newsletter