Graziano, leucemia e tumore cerebrale

"Rido e scherzo, anche sulla mia malattia"

Guarito da una leucemia infantile, Graziano a 17 anni ha subito anche un intervento per rimuovere un tumore cerebrale. Ma ciò non gli impedisce di raccontare la sua storia con ironia e leggerezza

graziano video



ATTENZIONE: Eventuali numeri di telefono presenti nel video non sono più attivi, in quanto riferiti ad una specifica campagna di raccolta fondi

Qualcun altro avrebbe potuto inveire contro la cattiva sorte, ma a me piace vedere il lato positivo delle cose. Mi sono ammalato di leucemia linfoblastica acuta quando avevo solo sette anni, per quasi un anno sono stato ricoverato all'Ospedale Sant'Orsola di Bologna e poi, fino ai 14, dentro e fuori dall'ospedale per sottopormi a tutte le cure necessarie. Sono stati anni difficili, nei quali però non ho mai perso la capacità, tipica dei bambini, di scherzare sulla malattia, cosa che anche gli adulti dovrebbero imparare: con i miei compagni di allora, per esempio, aver perso i capelli a causa della chemioterapia diventava occasione di gioco, perché ci dava un aspetto da piccoli gnomi.

Una volta dichiarato fuori pericolo per la leucemia, purtroppo comparve un altro tumore, un meningioma al cervello che i medici non escludono possa essere stato favorito dalle cure. Ma la mia esperienza, insieme a quella di altri, ha contribuito alla ricerca e alla messa a punto di protocolli terapeutici più attenti agli effetti collaterali.

Il delicato intervento di neurochirurgia all'Ospedale Bellaria di Bologna è andato bene, lasciandomi solo con un esito di emiparesi della parte destra del corpo e di paresi all'occhio sinistro. Nessun problema: me ne sono fatto tatuare un altro sulla spalla. Perché a me ironia ed entusiasmo non mancano: da anni lavoro nel mondo dello spettacolo, come comico e come autore, complice anche la mia amicizia di vecchia data con Alessandro Bergonzoni. Ho scritto due libri, testi teatrali e le mie esperienze da paziente sono diventate anche un ciclo di conferenze sul rapporto tra gioco e malattia.

Lavoro presso la Biblioteca "Giulio Einaudi" di Correggio (Reggio Emilia) e posso dire una cosa: la malattia non mi ha mai fermato.

Top

Leggi anche

Affrontare la malattia

Affrontare la malattia

Le terapie

le-terapie

Dopo la cura

dopo la cura

Resta in contatto