Fabrizio, osteosarcoma

"Io non mi fermo" 

A tredici anni, dopo un forte colpo al ginocchio, sente un dolore che non accenna a diminuire. Uscito dall'ospedale, si impegna in tante attività: da allora non si è più fermato!

fabrizio io non mi fermoFabrizio è nato nel 1970 e fin da bambino ha praticato molti sport: calcio, ginnastica artistica e ciclismo.

A 13 anni, dopo un forte colpo al ginocchio, sente un dolore che non accenna a diminuire e, dopo una serie di accertamenti clinici, Fabrizio scopre di avere un osteosarcoma alla gamba. In ospedale Fabrizio continua a studiare e prende la licenza media.

Accumula, fino ai 16 anni di età, ben 17 interventi e tanti cicli di chemioterapia e alla fine perde la gamba sinistra. Uscito dall'ospedale, riprende immediatamente i contatti con i miei vecchi amici e si impegna in tutta una serie di attività: tantissima fisioterapia e  molte ore di sport per recuperare il morale, oltre che le forze.

Da allora Fabrizio ha conquistato grandi risultati sportivi, uno tra tutti il Record dell'Ora ottenuto con un progetto straordinario, sostenuto da Raisport, che lo trasmette in diretta. Il progetto consisteva in un tentativo "anomalo" di stabilire un nuovo record: 12 professionisti, alcuni ciclisti oggi in auge affiancati da "pietre miliari" del passato ciclistico italiano, avrebbero creato una sorta di staffetta davanti a Fabrizio, dando vita ad un'impresa originale ma altamente spettacolare. Fabrizio ha anche vinto tre maratone di New York per disabili.

 

fabrizio io non mi fermo 1

Nel 2005 ha intervistato il ciclista Lance Armstrong in una toccante dialogo tra due sportivi che hanno sconfitto il cancro e ne ha tratto un DVD la cui distribuzione porterà contributi ad AIRC.

Fabrizio ha scritto un libro sulla sua storia "Io non mi fermo".

Si è sposato con Patrizia e a novembre 2006 è nato il loro primogenito Thomas.

Top

Leggi anche

Affrontare la malattia

Affrontare la malattia

Le terapie

le-terapie

Dopo la cura

dopo la cura

Resta in contatto