Isteroscopia

Di che cosa si tratta?

L'isteroscopia è una tecnica che permette di visualizzare le pareti interne dell'utero. Viene eseguita introducendo attraverso la vagina una piccola telecamera, posta all'estremità di un sottile strumento (isteroscopio), che raggiunge l'utero dopo che le sue pareti sono state distese o con del gas (anidride carbonica) o con del liquido, solitamente soluzione fisiologica. L'esame è prescritto a scopo diagnostico nel caso di sanguinamenti uterini anomali nelle donne in età fertile e soprattutto in quelle in menopausa e quando altri esami lasciano sospettare patologie a carico dell'utero. Consente di rilevare malformazioni uterine e l'eventuale presenza di polipi, fibromi o in alcuni casi tumori dell'utero. Durante l'esame si possono prelevare campioni di tessuto da analizzare in laboratorio. Spesso si ricorre all'isteroscopia anche per ricercare le cause di infertilità. In tutti questi casi si può eseguire in ambulatorio, senza necessità di un ricovero. Talvolta però nel corso dell'esame si possono fare piccoli interventi, per esempio asportare polipi o correggere lievi malformazioni uterine. In questo caso la procedura viene eseguita sotto anestesia in regime di day hospital o in ricovero ospedaliero di 1-2 giorni.

Top

È un esame che possono fare tutti?

L'isteroscopia può essere eseguita in donne di tutte le età ad eccezione di quelle in gravidanza e di quelle in cui, per una particolare e rara conformazione anatomica, viene impedito il passaggio dell'isteroscopio. L'esame non può inoltre essere effettuato durante il flusso mestruale e in caso di infezione o infiammazione pelvica.

Top

Occorre qualche tipo di preparazione particolare all'esame?

Per l'isteroscopia a scopo diagnostico non serve una particolare preparazione, occorre però avvisare se si assumono farmaci anticoagulanti. Una terapia antibiotica viene somministrata solo alle pazienti che presentano patologie alle valvole cardiache. Per l'isteroscopia operativa invece, a causa della somministrazione di un anestetico, alcuni giorni prima si dovranno eseguire esami del sangue e un elettrocardiogramma. L'intervento prevede il digiuno dalla sera prima, un clistere e la depilazione nella zona interessata.

Top

È meglio che mi faccia accompagnare da qualcuno o posso venire da solo? Potrò guidare la macchina per tornare a casa?

Se la procedura è esclusivamente diagnostica, al suo termine la paziente potrà tornare a casa da sola, mentre se si tratta di un'isteroscopia operativa in day hospital, dovrà essere accompagnata a casa da un'altra persona dopo alcune ore e per 48 ore non dovrà eseguire attività che richiedono particolare concentrazione.

Top

L'esame è doloroso o provoca altri tipi di disagio?

L'isteroscopia diagnostica non è dolorosa, anche se può provocare leggeri crampi, per via della distensione dell'utero, simili a quelli avvertiti durante il ciclo mestruale e un lieve dolore alla spalla. Sono fastidi che però scompaiono spontaneamente in poco tempo. Se l'esame è di tipo operativo, la paziente dopo l'intervento può avvertire dolori ad addome, schiena e spalla che si risolvono in pochi giorni. L'anestesia può causare una leggera difficoltà di concentrazione per qualche ora e per alcuni giorni potrà persistere un leggero sanguinamento dalla vagina che non deve destare preoccupazione.

Top

L'esame comporta dei rischi immediati?

L'isteroscopia è generalmente priva di rischi. La perforazione dell'utero e l'insorgenza di infezioni sono eventi estremamente rari nella pratica diagnostica e assai poco frequenti anche in quella operativa. Raramente può verificarsi anche una reazione vagale che, per via della stimolazione del collo dell'utero, determina un temporaneo rallentamento del battito cardiaco e un abbassamento della pressione arteriosa.

Top

L'esame comporta rischi a lungo termine?

L'isteroscopia non comporta rischi a lungo termine. Nel raro caso in cui si verifichino infezioni o la perforazione dell'utero, potranno essere necessarie terapie e altri interventi.

Top

Quanto dura?

La durata dell'isteroscopia diagnostica è di circa 10-15 minuti, mentre quella dell'isteroscopia operativa può durare tra i 30 e i 60 minuti, in base alla complessità dell'intervento.

Top

Alla fine posso andare subito a casa o devo restare in osservazione? Per quanto?

Al termine dell'isteroscopia la paziente può essere dimessa dopo un breve periodo di osservazione precauzionale, che può durare alcune ore nel caso sia stata eseguita un'isteroscopia operativa in day hospital. Se è stato eseguito l'esame in regime di ricovero ospedaliero, la degenza dura solitamente 1-2 giorni.

Top

Posso riprendere subito la mia vita normale o devo avere particolari accortezze?

Dopo l'esame diagnostico si possono riprendere subito le normali attività. L'isteroscopia operativa può prevedere una breve convalescenza domiciliare senza però dover seguire particolari accorgimenti. Si raccomanda l'astensione dai rapporti sessuali per 2-3 giorni.

Top

Le informazioni presenti in questa pagina non sostituiscono il parere del medico

Ultimo aggiornamento venerdì 1 agosto 2014.

Agenzia Zadig

Articolo conforme ai principi HONCode

Leggi anche

Diagnosi precoce

Diagnosi precoce

Prevenzione per tutti

Prevenzione per tutti

Facciamo chiarezza

Facciamo chiarezza

(IN)CURABILE

Incurabile

Scopri in che direzione stanno lavorando i nostri ricercatori e quello che anche tu puoi fare per rendere il cancro sempre più curabile.

Vai al sito speciale

5 X 1000 X AIRC

Cinque per 1000

Inserisci il codice fiscale di AIRC nello spazio destinato al 5X1000 della tua dichiarazione dei redditi e aiutaci a moltiplicare i risultati della ricerca.

Richiedi un sms promemoria con il codice fiscale!

Resta in contatto